Immagine
 ego... di paola
 
"
Nemmeno il calvinismo più rigoroso può cambiare la natura maschile. Gli uomini olandesi saranno anche due release sopra gli italiani, ma non c'è verso di fargli capire che i vestiti sporchi non volano da soli nella cesta della biancheria.

"
 
\\ Baci da Tulipland : Articolo
Black-out
Di paola (del 01/06/2017 @ 23:59:59, in diario, linkato 343 volte)
Circa un mese fa questo blog è sparito. Da un momento all’altro gli articoli non sono più stati visibili in homepage benché regolarmente presenti in archivio. La homepage era una pagina vuota con stringhe di #### al posto dei titoli e dell’indice. Dopo i primi attimi di panico, questo incidente mi ha fatto riflettere. La prima riflessione è stata che nessun lettore mi aveva scritto segnalandomi l’anomalia. La seconda riflessione è stata che nell’ultimo anno ho scritto pochissimo e mai veramente ispirata. Entrambe le riflessioni mi hanno portato ad accettare la sparizione del blog come un segno del destino; evidentemente lo scopo del blog si era compiuto: dopo sedici anni di vita in Olanda quanto ancora posso intrattenervi sulle usanze di qui senza cadere in noiose ripetizioni? E quanto può interessare quel che faccio ad amici sempre più lontani? Soprattutto perché qualunque evento oggi è comprimibile in un post su facebook, o peggio ancora in un tweet. Ho passato quindi l’ultimo mese a vivere la mia vita serenamente, senza darne relazione ad alcuno.

Poi, com’era sparito, dopo un mese il blog è ritornato. A questo punto ho sviluppato due certezze: la prima è che il mio blog è governato da un’AI palesemente umorale e la seconda è che l’AI mi sta comunicando qualcosa.

Dai Paole’, facce ridere.

Viviamo a un passo dall’apocalisse. Se non sarà Kim Jong Un a sterminarci ci penserà il morbillo. O lo tsunami dal Polo Nord. O il meteorite dallo spazio. E non abbiamo ancora inventato i viaggi interstellari che ci porteranno in salvo su qualche altro pianeta; insomma, non c’è scampo. In questo delirio da fine del mondo l’unica cosa che possiamo fare è ridere: una risata ci seppellirà.

A me in questo momento più che una risata sta seppellendo la biancheria sporca. Letteralmente. Ho due adolescenti maschi in casa (il vikingo conta come adolescente di ritorno) che passano la loro vita a cambiarsi più frequentemente di Brachetti. Ho due ceste della biancheria perennemente traboccanti di tenute da calcio, judo, ciclismo, jogging e atletica, che emanano un bouquet olfattivo composto da un fondo di spogliatoio maschile con note da discarica di rifiuti tossici. Più svariati asciugamani, accappatoi e strofinacci da cucina che il vikingo cambia compulsivamente. Se ci aggiungiamo i regolari cambi di biancheria, di vestiti e di calzini regolamentari faccio prima ad aprire una lavanderia. Quando arriva la mia colf il venerdì mattina e mi trova inginocchiata tra mucchi di biancheria sporca di fronte alla lavatrice ci scambiamo uno sguardo in cui si racchiude tutto il nostro rimpianto per non essere nate lesbiche o rimaste single. La colf è ovviamente mediterranea tanto quanto me perché se fosse olandese non si farebbe toccare da simili quisquilie ma vivrebbe felice in mezzo alla discarica. Recentemente una mia amica mi raccontava sconvolta di essere stata invitata a bere un caffé a casa di una conoscente e di essere stata accolta in un salotto dove troneggiava un'enorme cesta di biancheria sporca che la padrona di casa ha semplicemente spostato per far posto a un’altra cesta di biancheria fortunatamente pulita e per tutto il tempo della visita ha piegato imperturbabile calzini e magliette. E il vikingo stenta ancora a capire perché sia così importante togliere regolarmente vestiti, suppellettili usate e scarpe da tutte le superfici piane e riporli nelle appropriate sedi: un giusto contrappasso per chi come me è affetto da una leggera forma di OCD (vi ho già parlato delle mollette da bucato spaiate e della sequenza delle posate nella lavapiatti vero?). Tornando alla biancheria, ho imparato a meditare (in apnea) mentre smisto colori e tessuti, mentre cerco in tutti i luoghi e in tutti i laghi calzini spaiati e perfino mentre recupero dal mucchio della biancheria lavata le mie poche cose sommerse da chili di maschie magliette, canotte e calzoncini: tutte attività che sfiorano tempi tantrici senza il sesso. E il risultato delle mie meditazioni mi ha portato a prendere una decisione epocale.

Chiudo questo blog.

È stato bello, è stato utile, è stato perfino terapeutico ma ormai non ha più senso. Nell'epoca in cui tutti sono tracciabili e visibili online 24/7, l'invisibilità è diventata un lusso. E, come ci ricorda Banksy, un superpotere. Intendo riappropriamene.

Potete leggere tutti i miei articoli sul sito alla voce DIARIO e se avrò ancora qualcosa da dire lo metterò lì. Questa pagina rimarrà aperta finché l’AI non deciderà di richiuderla.

Doei.
Share on facebook Share    Articolo Articolo  
 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Ti piace questo blog? Aiutami a tenerlo online.


Ci sono 25 persone collegate

< luglio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (162)
feuilleton (33)

Catalogati per mese:
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Hello, due to the w...
30/03/2018 @ 16:46:00
Di Maci Electrician
Molto divertente! Se...
14/02/2017 @ 18:30:59
Di Anna Berardesca
Come sempre molto ac...
14/02/2017 @ 18:27:17
Di Anna Berardesca

Titolo
Baci da Tulipland o seguito del feuilleton?

 Tulipland!
 Il feuilleton!
 entrambi
 nessuno dei due

Titolo

Disclaimer 1

Tutti i post della sezione FEUILLETON sono un'opera di fantasia. Ogni riferimento a persone, situazioni, avvenimenti reali o realmente accaduti è puramente casuale nonchè involontario.

Disclaimer 2

Invece tutti i post della sezione DIARIO si riferiscono a persone, situazioni e avvenimenti reali.





21/07/2018 @ 10:01:34
script eseguito in 31 ms