paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2004

27 06 2004 jan-nico en ana (love) story part 4

Stante che il periodo è generalmente merdoso ho pensato che un piccolo aggiornamento della nostra telenovela nazionale vi potesse distrarre per quei 5 minuti ...
Le cose tra i due stanno andando come previsto e cioè malissimo: Ana sembra determinata a spillare fino all'ultimo eurocent da Nico e sta agendo di conseguenza. Ha assunto un avvocato che sta facendo una marea di pulci all'accordo di separazione, non perde occasione per tergiversare, rimandare e rettificare, il tutto con toni altamente maleducati ed eccessivi come suo stile: sembra che non riesca a fare una telefonata senza fare una scenata e perfino un innocente sms di Nico del tipo 'come va, tutto ok?' ha scatenato una tempesta verbale di proporzioni bibliche. È ovvio che Nico non se la caverà tanto facilmente, io mi chiedo se riuscirà mai ad uscire dal tunnel. All'atto pratico la signora vuole 3,5 anni di alimenti e 50% di TUTTO quello che Nico possiede ... e sembra non finire qui ... Devo mio malgrado ammirare la tipa: io non riuscirei mai a trattare le mie relazioni con la sua freddezza calcolatrice. E infatti son più povera adesso che nel 1999.
Ma in fin dei conti fin qui era tutto abbastanza prevedibile. Quello che mi ha lasciato (e mi lascia tuttora) totalmente impreparata è la faccia tosta di Nico, che dopo 3 anni e mezzo di silenzio e assenza si è ripresentato nel gruppo di amici come se niente fosse e non si perde una delle anche più infime occasioni sociali del gruppo. Basta dire che l'ho visto più in queste ultime 2 settimane che in tutti gli anni precedenti!
Qui non so veramente se essere sconcertata o ammirata dalla sua nonchalance e anche l'atteggiamento degli amici che non hanno battuto ciglio alla ricomparsa del figliol prodigo mi lascia perplessa. Se io avessi trattato voi come lui ha trattato i suoi amici mi avreste già da tempo tolto il saluto, invece questo neanche si è fatto vedere 3 volte che sta già organizzando una settimana bianca con il vikingo e il gruppo di amici single come si faceva prima che lui si sposasse, e tutti a dire (vikingo in testa) ma che bella idea ma che bravo ... insomma, come se questi 3 anni e mezzo non ci fossero stati e di conseguenza (non è un caso, amiche di analisi, notate bene!) come se NEANCHE IO esistessi. Vero che Nico non mi conosce - non certo per colpa mia - ma manco gli è passato per l'anticamera del cervello di chiedere se a ME l'idea della settimana bianca faceva piacere o no, senza contare che manco gli è sfiorato il pensiero che far stare Matteo una settimana a 2000 metri in pieno inverno non è certo ideale per la sua salute (pediatri italiani confermano: 80% dei disturbi alle vie respiratorie dei bimbi piccoli sono causati dai genitori incoscienti che se li portano sulle piste da sci a -3º). Quando ieri l'ho aggiornato senza mezzi termini sul mio rapporto con montagna, neve e freddo (e en passant sull'esistenza di Matteo) mi guardava quasi come dire ma che rompicoglioni questa qui. Beh, ma dico! La sfacciataggine mi lascia a bocca aperta.
Se fossi Ana avrei levato a urlacci la pelle del culo al vikingo. Invece essendo la pirla che sono mi sono macerata per un paio di giorni e poi, come Spencer Tracy in Indovina chi viene a cena, mi sono detta "Ma che mi venisse un accidente!" e ho preso la decisione di mandare tutti a cagare e di cominciare a farmi un po' di cazzi miei, che qui ad essere accomodanti la si piglia solo in culo, mentre invece a fare come Ana si finisce milionari. E quindi ho annunciato ad un attonito vikingo (e anche a Nico per conoscenza) che ESIGO sapere entro DUE MESI la data della settimana bianca in modo da poter prenotare nello stesso periodo con agio e anticipo una settimana al club Med di Punta Cana per me e Matteo. Devo dire che il vikingo ha accusato il colpo e ha tentato debolmente di esplorare possibili vie di conversione alla sua settimana bianca. Non so che avrebbe fatto Ana, ma io gli ho lanciato una delle mie famose occhiatacce e da allora non ha più fiatato. Vorrei tanto poter intestare il conto della mia settimana 'bianca' a lui, ma so già che non ci riuscirò. Ma cazzo, ci ho proprio scritto giocondo o che?
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk