paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2012

Via d'uscita dall'euro

Mi ha colpito molto che questa notizia, apparsa con un certo rilievo nei quotidiani e nelle trasmissioni televisive olandesi di questa settimana, non abbia meritato nemmeno un trafiletto nella sezione esteri della stampa italiana. Per dovere di cronaca ve la riporto traducendo direttamente dall’NRC Handelsblad di martedì 3 aprile.
Economisti, attenzione! L’undicenne Jurre Hermans ha una soluzione per la crisi dell’euro.
Lord Wolfson of Aspley Guise, magnate britannico padrone della catena di abbigliamento Next [e politico conservatore n.d.t.], è talmente preoccupato della crisi dell’euro che ha indetto un concorso, il Wolfson Economic Prize. La migliore proposta sulla soluzione della crisi finanziaria europea riceverà un premio di 250.000 sterline (297.000 euro).
Nei mesi scorsi la fondazione del premio Wolfson ha ricevuto ben 452 proposte, tra cui figurano quelle di economisti della Capital Economics, della Nomura Securities e della London School of Economics. E quella di Jurre Hermans, undicenne olandese di un piccolo paese nella regione del Gelderland [di cui fa parte anche Nijmegen n.d.t.].
In una lettera tradotta dal padre, Jurre ha scritto:
Dear Sir and Madam,
My name is Jurre Hermans. I am 10 years old and live in the Netherlands. I am quite worried about the eurocrisis and look at the TV news daily. The eurocrisis is a big problem. I think about solutions. Since I read in the newspaper about your price, I thought that I would like to submit my idea. The idea might fit. So here it is: I made a picture of my solution and I will explain it to you.
Greece should leave the Euro. How do you do that?
All Greek people should bring their Euro to the bank. They put it in an exchange machine (see left on my picture). You see, the Greek guy does not look happy!! The Greek man gets back Greek Drachme from the bank, their old currency. The Bank gives all these euro's to the Greek Government (see top left on my picture). All these euros together form a pancake or a pizza (see on top in the picture). Now the Greek government can start to pay back all their debts, everyone who has a debt gets a slice of the pizza. You see that all these euro's in the pizza's go the companies and banks who have given loans in Greece (see right in my picture)
Now here comes the clever part of my idea:
The Greek people do not want to exchange their Euro's for Drachmes because they know that this Drachme will lose its value dramatically. They try to keep or hide their Euro's. They know that if they wait a while they will get more Drachmes. So if a Greek man tries to keep his Euros (or bring his euros to a bank in another country like Holland or Germany) and it is discovered, he gets a penalty just as high or double as the whole amount in euros he tried to hide!!! In this way I ensure that all Greeks bring their euros to a Greek bank and so the Greek government can pay back all the debts. I hope my idea helps you!!!!
Of course if a country has paid back all his debts, he can return to the eurozone.
A bit more about myself: I am 10, love animals since I have a dog and a bird. I live in a family of 5 in Holland. I have 5 friends with whom I play all day, mostly outside.
PS: My father helped me with my English translation as I speak Dutch.
Greetings from Holland,
Jurre Hermans
Jurre ha scritto la sua proposta dopo aver visto il TG dei ragazzi che parlava del concorso. Non ha vinto il primo premio – comunica la portavoce della fondazione – ma ha ricevuto 100 sterline e una menzione speciale della giuria per il suo sforzo.
I finalisti del Wolfson Economics Prize, il più grande premio monetario riconosciuto a un economista dopo il premio Nobel, sono:
Catherine Dobbs – The NEWNEY approach to unscrambling the Euro
Roger Bootle – Leaving the euro: A practical guide
Jonathan Tepper – A Primer on the Euro Breakup: Default, Exit and Devaluation as the Optimal Solution
Jens Nordvig – Planning for an orderly break-up of the European Monetary Union
Neil Record – If member states leave the Economic and Monetary Union, what is the best way for the economic process to be managed to provide the soundest foundation for the future growth and prosperity of the current membership?
Mi limito a commentare – senza aver letto le opere dei finalisti e quindi necessariamente in modo sommario e superficiale – che la soluzione eventualmente adottata dalla comunità europea per buttare fuori dall’eurozona i membri indesiderati non si distanzierà molto nella sostanza dalla proposta di Jurre Hermans e che a mio parere la giuria del premio ha inteso riconoscere proprio questa grandissima e semplice verità.
Sono sicura che ci vorranno ancora molti anni, molti dibattiti, molti documenti, fiumi di parole e soprattutto valanghe di finanziamenti per arrivare all’accordo finale sulla spinosa questione e il mio unico desiderio è che, per tutto il tempo che ci vorrà, le parole di Jurre Hermans continuino a rimanere vive nella memoria collettiva. Condividete, per favore. (6 aprile)
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk