paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
in equilibrio su un filo di seta

Brutte Notizie

“Alle volte Amy è proprio insopportabile.” esordisce Elly dopo il lungo silenzio che ha contraddistinto il rientro a casa. Tim e Larry sono stati affidati alle sapienti cure di Sarah che, dopo averli accuratamente ripuliti dalle foglie e dalla terra, li sta intrattenendo con una tazza di cioccolata e un complicato gioco di pazienza.
“Vero – risponde Laura – ma la sua conversazione mi mette sempre di buon umore e quella sua puzzolentissima tisana è davvero miracolosa: il mal di testa è ormai solo un lontano ricordo e anche il ricordo della serata a casa di Amber si fa sempre meno doloroso. Inoltre - continua con un sospiro rassegnato – ha assolutamente ragione. Ho bisogno di sesso. Ma questa non è una buona ragione per ricontattare William e finire in guai peggiori. Il sesso può aspettare e, appena Greg torna, quella ridicola insinuazione su me e Sarah sparirà come neve al sole. Non dovrebbe mancare molto ormai.”
Elly si raschia la gola e sospira profondamente. “E´ proprio di questo che ti volevo parlare.” dice con un tono che spera non risuoni troppo drammatico. “Ero al telefono con il caporedattore del giornale, prima, a casa di Amy.” Il giornale, come lo chiama Elly, è il settimanale scandalistico più letto della nazione e il numero di lettori dell’edizione online sta superando perfino quello del telegiornale delle otto.
“Mi sono presa la libertà di chiedergli di informarmi se ci sono notizie che riguardano i miei amici più cari e devo dire che finora è sempre stato di parola. - Elly fa una pausa tattica prima di lanciare il carico da novanta.
“Sembra che circolino delle foto di Gregory con ... quella dottoressa di MSF. La ex fotomodella.” Dice Elly senza guardare Laura negli occhi.
L’ex fotomodella: Marcia Barnes. Che il diavolo se la porti. La ragione per cui Laura prega ogni sera che Greg le telefoni e la rassicuri che tutto va bene, che la pensa continuamente e che tornerà presto. Nonostante di fronte a lei cerchi di mantenere un contegno rilassato e casuale, Elly sente formarsi un nodo allo stomaco.
“Ma devono essere vecchissime!” esclama Laura con un tono che vuol essere leggero ma è decisamente sopra le righe. “Marcia è stata con loro solo per i primi tre mesi: era uno stunt pubblicitario, naturalmente, per raccogliere fondi per la causa. Hanno fatto una quantità enorme di foto in varie location e l’ufficio stampa si occupa di farle arrivare periodicamente ai giornalisti per tener vivo l’interesse sulla missione.”
“Non quelle foto.” replica Elly stancamente. “Quelle le abbiamo da un anno e seguiamo le istruzioni dell’ufficio stampa di MSF. Queste sono di un’altra fonte. E sembrano recenti.”
“Quanto recenti?” chiede Laura con un tono che si fa sempre meno leggero e la voce che comincia a vacillare.
“Abbastanza da farci un articolo credibile per i lettori del giornale.” risponde Elly con un’alzata di spalle. “Se è un altro stunt pubblicitario, lo dobbiamo considerare un’azione personale, possibilmente della signorina Barnes perché ritengo Greg una persona di gusto.” conclude sempre evitando accuratamente di guardare Laura negli occhi.
Laura abbandona ogni pretesa di leggerezza e si accascia sulla poltrona. “Che cosa mi consigli di fare?” chiede con una voce che ormai è prossima alle lacrime. La giornata sembrava iniziata così bene, il sole e la compagnia di Amy le avevano perfino fatto tornare il sorriso sulle labbra. Adesso è ripiombata nel gelo dell’inverno nordico.
 “Queste foto saranno pubblicate domani. Se non lo facessimo noi lo farebbe il nostro concorrente e se lo facciamo noi posso almeno sperare di ridurre il ruolo di Greg al minimo indispensabile. Non che ci sia molto da ridurre, purtroppo.
“Ti consiglio di chiamare Greg subito e di dirgli che la situazione è arrivata ad un punto tale da rendere il suo rientro tanto urgente quanto indispensabile. Ti esorto anche a comunicargli che se - per qualsiasi motivo - non intende rientrare entro tempi ragionevoli, tu ti troverai costretta a rendere conto delle sue azioni pubblicamente. Non perché dubiti di lui, ma perché altrimenti la tua reputazione pubblica sarebbe irreparabilmente rovinata e questa è l’unica cosa che non ti puoi permettere, per il bene di Lawrence. Sii ferma, ma qualunque cosa tu dica non far trasparire mai il fatto che tu credi alla storia che le foto vogliono raccontare. Se Greg è innocente sarebbe un esercizio in futilità e se è colpevole devi fargli capire che lo hai perdonato. E nell’inverosimile ipotesi che Greg non torni nemmeno dopo questo tuo ultimatum, costi quel che costi devi avviare una pratica di divorzio e farti vedere in giro con qualche maschio. Non occorre che sia William: se è necessario te ne posso prestare quanti ne vuoi, o quanti ne servono a ripristinare la tua reputazione.”
Elly si è preparata il discorso durante tutto il viaggio di ritorno e la sua intenzione era di dire quello che aveva da dire e levarsi di torno il prima possibile, ma adesso si rende conto che è stato un pensiero insensato. Maledetta domenica. Avrebbe tanto desiderato avere altre notizie da elargire, come quella volta che il caporedattore le aveva portato un piccolo trafiletto scovato nel supplemento scientifico del Guardian e che Sarah aveva diligentemente incollato nell’album in cui teneva tutti gli articoli e le fotografie pubblicate sulla missione, album che troneggiava da un anno sul tavolino da caffè in soggiorno ad esclusivo beneficio delle malelingue locali, in caso venissero in visita o ad informarsi sulla salute della signora Carter. Laura era stata così felice allora e aveva citato l’articolo per un mese intero in ogni occasione sociale. Adesso invece comincia a singhiozzare silenziosamente e il nodo nello stomaco di Elly sale in gola.
 “Dai Laura, non fare così. E’ il segreto di pulcinella! Si dice da Natale che Greg ti ha lasciato per quella ... persona. E ti assicuro che le simpatie fino a poco tempo fa stavano tutte dalla tua parte.”
“Ma non è vero! – urla Laura ormai fuori controllo - E se anche lo fosse finora non c’erano prove. E se anche adesso ci fossero è una storia vecchia, finita. Marcia non è più con la spedizione da dieci mesi!”
“Ma questo non è assolutamente il punto! E’ passato troppo tempo, Laura. La spedizione sarebbe dovuta durare un anno, Greg dovrebbe essere già qui da un mese! E se anche Marcia fosse uscita di scena, qualcun’altra avrà preso il suo posto, altrimenti Greg sarebbe tornato: questo è quello che si dice in giro.” spiega Elly pazientemente. “E la ragione per cui la vox populi ha smesso di supportarti è perché nessuno si sarebbe mai aspettato che tu gli dessi così tanta corda. Devi fare qualcosa subito se non vuoi che le cose diventino ancora più spiacevoli.”
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk