paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2011

homohuwelijk

Una domanda del mio professorie di storia del cinema al liceo sperimentale mi è sempre rimasta in testa: “Perchè a diciotto anni sono tutti rivoluzionari e votano DP e a quaranta diventano tutti conservatori e votano DC?” La domanda non era retorica: mi era stata rivolta in quanto una delle (rare) studentesse che leggeva tutti i testi previsti dal programma e anche quelli opzionali, infatti ero andata a casa del professore in questione a prendere un libro fuori stampa e avevo ricevuto la domanda come bonus di riflessione. Non penso che il prof si aspettasse una risposta diretta ma fedele e me stessa gliel’ho fornita comunque. Ho risposto che a diciotto anni l’unico possedimento che si ha è la propria gioventù e nessun diciottenne ha paura di perderla perchè si crede immortale. A quaranta si hanno molte più proprietà materiali ed è dolorosamente evidente come la gioventù e la vita in generale sia precaria, per cui si tende a difendere quel che ancora si possiede. Il prof aveva sorriso come la Gioconda, con gli occhi tristi e gli angoli della bocca appena sollevati e mi aveva congedato.
 Da allora, ad intervalli regolari, faccio un check-up della mia posizione ideologica, che è rimasta singolarmente stabile. Non ho mai votato DP, nemmeno a diciotto anni, ma non mi sono ancora convertita alla DC e non solo perchè non esiste più. Non avendo mai creduto nella lotta armata non ho avuto disillusioni epocali e non ho sentito il bisogno di andare ad ingrossare le file di Forza Italia per reazione. Le radici borboniche della mia famiglia mi hanno reso immune alle lusinghe xenofobe della Lega, tanto quanto il ferreo imprinting del liceo sperimentale col corollario degli amici intellettuali di mia madre mi impedisce di prendere sul serio qualunque ideologia di stampo conservatore e di giustificare le dittature di qualunque colore ideologico.
 Eppure.
 Nonostante appoggi ideologicamente la sinistra laburista, mi sorprendo sempre più spesso a condividere le affermazioni di politici dell’area di centro conservatrice e filocristiana. Mi risulta sempre più difficile essere garantista nei confronti di (presunti) pedofili e di sostenere gli operai che lottano per mantenere diritti (anacronistici) acquisiti prima della liberalizzazione dell’economia. Devo sforzarmi di ricordare i motivi per cui difendo la libertà di espressione ogni volta che sento parlare Wilders o la Santanchè e oggi con mia enorme sorpresa mi sono trovata in pieno accordo con le argomentazioni contro il matrimonio omosessuale di un parlamentare olandese del CDA (locale DC). Il parlamentare in questione, a sua volta omosessuale e felicemente convivente da 28 anni con lo stesso compagno, dice che il matrimonio è un contratto sociale creato per coppie eterosessuali che desiderano formare una famiglia e assicurare le necessarie protezioni sociali alla progenie; per tutti gli altri casi è prevista la convivenza registrata e qui devo fare una robusta precisazione onde evitare equivoci.
 In Olanda la convivenza registrata è stata accuratamente progettata per assicurare gli stessi diritti di un matrimonio civile alle coppie omosessuali e le differenze legali tra l’una e l’altro ne sono la dimostrazione: un’eventuale separazione consensuale in assenza di prole è più agevole con la convivenza registrata e i figli di una convivenza registrata sono automaticamente attribuiti alla madre mentre il padre – se vuole - deve chiedere la patria potestà. Capite quindi come queste differenze legislative siano state studiate esclusivamente a beneficio delle coppie senza figli (o figli di uno dei due), al contrario del matrimonio che è il contratto sociale standard per le coppie che prevedono una numerosa prole, tanto che quando io e il vikingo al tempo ci siamo informati ci è stato consigliato di sposarci perchè una convivenza registrata avrebbe complicato la burocrazia nei confronti del nascituro.
Quel che manca alla convivenza registrata è la coreografia, in quanto non è prevista una cerimonia nuziale civile e la chiesa non è obbligata a celebrare il matrimonio religioso. Tale obbligo è previsto – se desiderato dagli sposi - nel caso del matrimonio civile. Per chi si vuole cimentare con il testo originale della legge qui c’è il link.
 Ebbene, chiamatemi reazionaria ma seguo perfettamente la logica del parlamentare CDA. Un matrimonio gay – nell’accezione di cerimonia nuziale - non rispetta le regole del gioco e citiamo il mitico Samuel L. Jackson in Pulp Fiction a proposito della differenza tra cunnilingus e massaggio ai piedi: “ain’t the same f****n’ ballpark, it ain’t the same league, it aint even the same f****n’sport!”
 Che gli stessi diritti sociali vengano garantiti a coppie omo- ed eterosessuali è sancito dalla legge e non sta in discussione. Che si voglia usare la cerimonia nuziale, magari religiosa, anche per chi non può procreare insieme al partner francamente mi pare scorretto e riduce la cerimonia nuziale ad una parodia da marriage chapel di Las Vegas, dove è noto che ci si sposa in 10 minuti con qualunque abbigliamento e con qualunque partner. Allora tanto vale eliminare la cerimonia nuziale del tutto e io per prima sono favorevole a questa eventuale mozione.
 
Il matrimonio gay – sempre nell’accezione di cerimonia nuziale e fermo restando i diritti sociali – mi sembra un’aberrazione alla pari del garantismo che ha consentito e tuttora consente ai pedofili – per quanto presunti – di continuare a perseguire attività in cui vengono a contatto con minorenni e che consente in nome della libertà d’espressione di insultare impunemente le minoranze etniche che non si possono difendere o usare scientemente menzogne, calunnie e falsità nel dibattito mediatico in modo che diventino verità. Ditemi per favore che non ho bisogno di fare esempi e che ci siamo capiti. Qui non si tratta di mettere in dubbio i diritti sanciti dalla costituzione o dal codice penale, si tratta solo di prevenire e limitare gli abusi alla legge da parte di personaggi senza morale o coscienza.
 A me pare che in nome della libertà e dell’uguaglianza siamo scivolati pericolosamente verso una forma di convivenza sociale che ci lascia totalmente indifesi di fronte a soprusi sempre piu frequenti da parte di dialettici e demagoghi spregiudicati. San Tommaso d’Aquino, che per i tempi in cui viveva era sicuramente progressista, era un sostenitore del libero arbitrio, perchè lo riteneva regolato da coscienza, prudenza, volontà e virtù. Ebbene, chiediamoci dove sono finiti questi quattro fondamentali pilastri del libero arbitrio e se in base a coscienza, prudenza, volontà e virtù i gay si possano sposare in chiesa coll’abito lungo, i presunti pedofili possano continuare a fare gli insegnanti di nuoto e Wilders possa contestare i giudici che lo stanno processando (per istigazione all’odio razziale) di faziosità. Ditemi che non devo continuare con gli esempi e soprattutto non fatemi citare le uscite della Santanchè che ancora devo fare training autogeno per calmarmi.
 Mi piacerebbe che la sinistra laburista si facesse portavoce di queste istanze, perchè non posso credere che siano solo preoccupazioni mie, invece riscontro un atteggiamento quantomeno ambiguo al riguardo. Mi stupisco che siano apparentemente solo i rappresentanti del centro democristiano ad esprimersi in questo senso e mi chiedo se sono io che sto diventando reazionaria come aveva predetto il mio prof o se invece è la sinistra laburista che ha perso il treno. (14 maggio)
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk