paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2006

27 09 2006 post mortem

Gli avvenimenti degli ultimi tempi hanno messo a durissima prova il mio senso dell'umorismo e perfino la mia ben nota autoironia.
Comprensibilmente, d'accordo, ma che palle.
Mi trovo scissa tra due realtà: mentre in Italia sta andando tutto a rotoli, qui le cose vanno benissimo. Se potessi staccare la spina della mia parte italiana vivrei felice, ma siccome ho smesso di usare le droghe pesanti da quando son madre mi devo sciroppare anche 'sta angoscia. Evabbè.
Settembre si sta rivelando il mese più caldo dell'anno: sembra di stare in Italia, non scherzo, da 4 settimane ci sono 25º e di notte la temperatura non scende sotto i 15º, ma che meraviglia è? Non piove nemmeno, è quasi imbarazzante!
Domani Matteo va a scuola 'dei grandi' e non so chi tra noi sia il più emozionato. Lo accompagnerò io, spero di non fare brutta figura giacchè da mesi ormai ho delegato al vikingo e alla baby sitter la cura scolastica del pargolo. Già stamattina Matteo ci ha svegliato alle 6.05 (aaargghhh) declamando "Andiamo a scuola? Mi fai la colazione? Mi voglio vestire, voglio scendere giù". Bene, queste parole gli verranno rinfacciate da qui all'ultimo anno di liceo!
Sabato scorso, approfittando di un vicino di casa angelico che si è caricato tutta la pargolanza della via in macchina e l'ha portata a pascolare al parco, mi sono regalata l' iPod da 60 giga, con tutti gli accessori del caso. E mi sono subito sentita meglio. Almeno fino al momento in cui ho aperto l'elegante confezione e ho tirato fuori il manuale d'uso. Testuali parole: infilare il CD di iTunes nel computer, premere esegui, infilare l'iPod nella presa usb, buon divertimento. Fine del manuale!!!!
Ho smadonnato tutto il weekend, passando tutte le ore di quality time da destinare a mio figlio davanti al PC, ho perfino chiesto la consulenza telefonica di Fabio (un santo, grazie) e forse adesso comincio a capirci qualcosa. Mi sono sentita di colpo vecchissima e anche se sono ancora per poco nel target 35-44 mi sono sentita affratellata ai 54+ che non sanno come si usa il GSM. Ma insomma, un po' di rispetto: per i soldi che costa voglio Steve Jobs in videoconferenza che mi spiega come si gira la rotellina. Alternativamente va bene anche il figlio 12enne di chiunque altro.
No, dai, sto un po' esagerando. iTunes non è così difficile, è solo un programma molto stronzo e non capisce quando deve prendere le decisioni di suo e quando deve chiedere a me che cosa voglio. Ho passato più tempo a cancellare i brani che mi aveva duplicato che a convertire 363 CD in MPEG4 (o che diavolo di standard usa). Ma sono soddisfatta del risultato: adesso ancora 320 CD e poi tutta la mia discoteca sarà a mia completa disposizione on the move. Ho iniziato già a sentire tutta la lettera A in treno ed è uno sballo.
No, dai, sto scherzando: mi sono riascoltata solo 4 cd degli Orbital ma è uno sballo lo stesso. Matteo si è visto 3 podcast di Braccio di Ferro ed è entusiasta. L'unico scettico della famiglia è il vikingo che, duro e puro, continua ad infilare un cd dietro l'altro nel carstereo. Verrà a canossa quando gli comprimerò tutti i cd dei marillion (ne ha un centinaio).
 
torna su
« precedente      
 
| design&development: Artdisk