paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2006

21 03 2006 l’erba del vicino

Metto per iscritto un po' di considerazioni maturate nel lustro trascorso qui. Giacchè siamo tutte donne impegnate mi sento in dovere di cristallizzare tutte le mie considerazioni nel ben noto detto derivante dalla saggezza popolare: l'erba del vicino è sempre più verde.
Questo è l'executive summary. Lo svolgimento del tema nei prossimo paragrafi.
Arrivai qui nell'ormai lontano 2000, piena di speranze e con un bagaglio di aspettative commisurato all'istruzione ricevuta sull'Olanda, paese di grandi libertà e socialmente avanzato, pure troppo, dato che tutt'ora è l'unico paese europeo con una legislazione così tollerante di droghe leggere, prostituzione, omosessualità ed eutanasia (quest'ultima di grande attualità, leggo). Ma è poi così vero? Vi assicuro di no. E cominciamo dai ben noti cavalli di battaglia.
1. I matrimoni tra omosessuali non sono nient'altro che convivenze more uxorio legalizzate allo scopo di evitare un sacco di complicazioni amministrative che avrebbero ripercussioni nefaste su tutti i fronti economici - in pratica un'efficientizzazione del processo di scorrimento del denaro nelle banche e negli enti governativi, che è qui l'unica vera cosa che conta.
2. Sia droghe leggere che prostituzione vivono in un limbo legislativo di grande ambiguità che consente ad entrambe di convivere con la spada damoclea che in ogni momento il govermo può tirare i remi in barca e cancellare in un giorno tutti i privilegi concessi - cosa che puntualmente succede ed è già successa ogniqualvolta un politico abbia bisogno di un pieno di demagogia ai fini elettorali. Comunque, sia hasish che figa sono relativamente facili da trovare e con un miglior rapporto qualità prezzo che nel resto d'Europa (garantisco per l'hasish, per la figa mi fido di quel che mi si dice), il che assicura l'unico flusso turistico costante e sostenuto che questo paese ha avuto e avrà mai. Se non ci fossero queste leggi il flusso turistico crollerebbe da un giorno con l'altro e quindi vi siete anche dati la risposta al perchè delle suddette (vedi punto 1).
3. L'eutanasia infine, e qui mi sono informata molto bene qualche anno fa, è tutt'altro che quella legge di nazisti che il vostro (perchè da questi pezzi di merda io mi dissocio) Giovannardi vorrebbe spacciare. Provare per credere. Abbiamo in famiglia 2 zii malati terminali che sono in lista d'attesa per essere tirati fuori dal servizio medico che pratica - come in tutto il mondo occidentale - l'accanimento trerapeutico ed essere trasferiti in una clinica dove avranno diritto ad essere lasciati morire in pace. Il che comporta comunque un normale e doloroso decorso senza il conforto dell'iniezione teminale, sia ben chiaro. Per avere quella non so quali vette di sofferenza e aberrazione burocratica si devono raggiungere: nulla a cui io personalmente sia preparata nemmeno in teoria. E se pensate che un malato terminale non residente da almeno 10 anni qui possa essere ammesso in una di queste cliniche vi sbagliate. Insomma, se ci tenete all'iniezione terminale è molto più facile andare in Texas e sparare ad un cowboy che venire qui.
Fatto piazza pulita delle cosiddette leggi liberali andiamo a vedere le altre leggi.
Gli affitti sono ancora bloccati e ad equo canone come erano in Italia fino agli anni novanta. Una legislazione liberalizzatrice è stata per l'ennesima volta rimandata di sei mesi. Intanto per avere un appartamento in affitto le liste di attesa sono lunghe più di 5 anni, con questo battendo anche i record della russia sovietica.
La regolamentazione per collaboratori domestici è talmente vetusta che in teoria se una colf o baby sitter lavora per più di 2 giorni devi assumerla, ma non puoi perchè per assumerla devi avere la partita IVA. Di conseguenza tutte le colf e le baby sitter lavorano in nero peggio che in Italia.
L'olanda è l'unico paese in Europa con una legislazione che penalizza le donne più che nei paesi cattolici. Una madre che lavora ha diritto solo a 16 settimane di permesso maternità pagato e 12 settimane di permesso maternità non pagato. Gli asili nido sono aperti dalle 8.30 alle 18.30 e voi sapete bene che con questi orari nessuna di noi che lavora in pubblicità ce la farà mai a riprendere il pupo in tempo. Per avere questo servizio 5 gg alla settimana si paga la bellezza di 600 e rotti euro al mese: con questo prezzo in italia ti paghi la au pair! Quando poi i bimbi vanno a scuola (dalle 8.30 alle 12 e dalle 13.30 alle 15.00) sono cazzi tuoi: non esiste un servizio di doposcuola e di pranzo - se tutto va bene verrà istituito alla fine dell'anno prossimo. Per ora la cura dei bimbi doposcuola e all'ora di pranzo viene affidata a comitati volontari di simpatiche casalinghe proletarie semianalfabete che lo fanno solo per guadagnare qualche euro, fanno un'abbondante cresta su quel che danno da mangiare ai piccoli e utilizzano metodi pedagogici da secolo XIX: rileggetevi i romanzi di Dickens per ulteriori informazioni.
Non a caso la percentuale di madri che lavorano qui è la più bassa d'Europa e quelle come me che si barcamenano fanno solo part time - altro non si possono permettere.
Ma anche le donne che lavorano full time non stanno messe meglio, visto che guadagnano in media 35% meno dei loro corrispettivi maschili. Alla faccia dell'uguaglianza di diritti. Se poi andiamo a vedere le percentuali di donne al top delle aziende e nelle cariche pubbliche Olanda e Italia stanno molto vicine e ambedue ben distanti dai paesi scandinavi e dalla Germania.
Del servizio sanitario ho già parlato in abbondanza e quindi non mi dilungo. È molto peggiore di quello italiano e da quest'anno ufficialmente non esiste più nemmeno la distinzione (fittizia) tra servizio di base e servizio privato. Tutti pagano di più per avere la stessa bella merda di prima. Cornuti e mazziati (io no ma solo perchè come contentino i figli minorenni da quest'anno sono gratis e con questo mi son risparmiata 126 euro al mese, puntualmente riversati dal vikingo che quest'anno guarda caso deve pagare 126 euro al mese invece che 48).
Del servizio scolastico vi parlerò quando toccherò con mano. Allarmanti inchieste dicono che il laureato medio di qui ignora quando Cristoforo Colombo ha scoperto l'America e grazie ai computer non sa più fare le somme.
La TV di stato è contingentata peggio che da voi e da anni ogni tentativo di scongelarla è puntualmente franato contro la roccia dei partiti uniti.
La stampa è in mano a un paio di editori alla faccia della libertà d'opinione e i Tiggi li produce una sola società per tutti, un'altra società produce il 90% dei programmi di intrattenimento.
Se poi aggiungete che la classe politica sta riuscendo a fare architetture da far rimpiangere la buona vecchia DC e i suoi pentapartiti avete il quadro completo di questo bel paese dove l'unica cosa che conta veramente e che ha sempre contato sono i soldi. Non a caso le banche qui sono mostruosamente grandi e potenti: ce ne sono solo 5 e la più grande si è appena pappata da voi l'Ambroveneta. Per voi magari era la notizia dell'anno, qui da noi ha fatto un paio di trafiletti in più del normale solo perchè l'acquisizione è andata un po' per le lunghe grazie al solito giro di mazzette all'italiana a cui qui non sono abituati (le mazzette le danno eccome, ma in Italia non avevano capito a chi bisognava darle: la prossima volta siate più chiari per favore che qui nessuno ha tempo da perdere).
Nulla di nuovo sotto il sole, se almeno qui ci fosse quello ....
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk