paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2004

21 12 2004 destino crudele

Il giorno in cui il mio capo mi ha comunicato che avrei dovuto lavorare notte e giorno per preparare la presentazione di ieri la cosa che mi faceva più rabbia era il non poter venire alla festa di Barbara. A posteriori, devo ammettere che sia i genitori del vikingo con la loro festa improrogabile il 18, sia il mio capo col suo new business il 20 altro non sono stati che rotelline in un ingranaggio ben più grande; come dire, avvisaglie della tempesta che doveva arrivare e che si è scatenata sulla mia testa in questo weekend.
In ordine cronologico ogni piccolo dettaglio di questa tragedia, senno' non ci si crede ...
4 dicembre: i nonni dicono che gli farebbe tanto piacere avere Matteo per un weekend ma che il 18 sera devono andare alla festa di matrimonio della 3a cugina del 2o zio (?!?) e quindi ahimè non si può fare. Sono però ben contenti di ospitare il piccolo giovedì 9 in assenza della nuova baby sitter che aveva impegni precedenti.
7 dicembre: il mio capo mi annuncia che ho vinto in premio la presentazione di strategia di Ribank, che si tiene a Utrecht il 20 dicembre alle 9 di mattina. Briefing 13 dicembre, si lavora ad oltranza anche nel weekend.
9 dicembre: temperatura esterna -1º. Matteo torna dalla giornata coi nonni: è stato in macchina con il papà 1 ora senza giacca a vento. Scende dalla macchina e fa almeno 10 passi nel gelo prima che io urlando lo afferri e lo porti in casa. A casa constato che il piccolo non ha la dolcevita di lana fornita in dotazione, ma solo una felpina leggera sopra la cannottiera. Stringo i denti e prego.
11 dicembre: andiamo a casa di Loes per il suo compleanno. Dei 3 bambini presenti Matteo è l'unico che non tossisce, gli altri 2 sembrano tisici. I bambini giocano insieme per almeno 1 ora.
12 dicembre: Matteo si sveglia con una copiosa epistassi che a momenti mi fa venire l'infarto. Per altro giornata senza eventi particolari.
13 dicembre: Il vikingo mi dice che Matteo di colpo sembra molto raffreddato. Tornata a casa constato che il pargolo (occhi gonfi, naso congestionato, tosse) ha 38.7º di febbre. 1º notte in bianco.
14 dicembre: Matteo ha la febbre a ondate ed è congestionatissimo. Di notte si sveglia ogni ora piangendo e tossendo. Il vikingo va a dormire nella stanza degli ospiti.
15 dicembre: dopo una giornata relativamente tranquilla alle 3 di notte Matteo si sveglia e constato 39º di febbre.
16 dicembre: Matteo ha 39º e passa di febbre tutto il giorno, con diarrea.
Il Paracetamol non fa un cazzo. Notte in bianco.
17 dicembre: Matteo viene visitato dal dottore della mutua che constata infezione virale delle alte vie respiratorie e dice di tener duro a Paracetamol fino a lunedì. Il vikingo torna a casa alle 17:30 con una guancia gonfia e dice che il dente del giudizio gli fa un male cane. Dopo grandi tira e molla si convince a prendere un antidolorifico. Matteo ha meno febbre, ma gli attacchi di tosse continuano. 5º notte in bianco.
18 dicembre: Matteo sta meglio, in compenso Il vikingo sta da cani e telefona al servizio dentistico d'emergenza. Mi comunica che ha appuntamento alle 10 e mi molla col bimbo a casa. Alle 14 non è ancora tornato e non ha dato traccia di se. Impacchetto Matteo e andiamo a fare le spese. Alle 14.30 Il vikingo telefona che deve essere operato d'urgenza al dente del giudizio - appuntamento lunedì (ieri) mattina. Dopo lunghe trattative riusciamo a trovare 1 babysitter che può tenere Matteo fino alle 12.30 (lunedì è il giorno libero del vikingo, quindi non abbiamo servizio babysitter). Lascio Matteo al vikingo e vado a lavorare.
19 dicembre: un incubo lavorativo. Matteo tossisce senza febbre, Il vikingo sotto sedativi.
20 dicembre: la presentazione è una corsa ad ostacoli. Esco trafelata alle 11.30 pronta a sfidare tutti i limiti di velocità per arrivare a casa entro 60 minuti e trovo msg tel. del vikingo che mi posso rilassare perchè il suo appuntamento è spostato al pomeriggio, quindi sta a casa lui col pargolo fino alle 14. Mi rilasso. Alle 15.30 Il vikingo è di ritorno, la guancia visibilmente meno gonfia ma le notizie non sono buone: gli stanno curando l'infezione ma l'operazione a 2 denti del giudizio causa ciste multipla verrà eseguita a gennaio con ricovero e anestesia totale. Quasi contemporaneamente chiama la baby sitter e comunica che è ammalata. Dopo 1 ora di trattative troviamo 1 sostituta per oggi, domani chissà.
Era quindi chiaramente e inequivocabilmente destino che non potessimo vederci lo scorso weekend. Speriamo in tempi migliori ...
 
torna su
« precedente      
 
| design&development: Artdisk