paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2002

08 03 2002 verloskundige

Finalmente, mentre nel mondo si festeggia la giornata internazionale della donna, sono andata a fare la mia prima visita di controllo: qui si usa che nessuno ti caga prima delle 12 settimane e solo verso l'ottava ti viene consentito di prendere appuntamento per la prima visita non già dal ginecologo ma dalla levatrice! Ho chiesto a tutti: è perfettamente normale e il ginecologo interviene esclusivamente in caso di emergenza. Solo grazie alla mia veneranda età io ho avuto una precedente visita ginecologica alla nona settimana il cui obiettivo era quello di stabilire la data dell'amniocentesi e NIENTE ALTRO!!!
Pace, siamo andati io e il vikingo in questa struttura simile ad uno studio dentistico con le foto dei feti a vari stadi di crescita appesi nella sala d'aspetto e ci ha ricevuto una gentile casalinga di mezz'età senza camice bianco in una saletta che assomiglia vagamente ad uno studio medico (per la presenza di lettino, bilancia e macchina per le ecografie) che ci ha spiegato come qui in Olanda a differenza del resto del mondo le gravidanze sono trattate come fatti naturali e tenute il più possibile fuori dal circuito medico (leggi = dal circuito delle malattie). Le levatrici hanno una preparazione medica che consente loro di somministrare tutti i controlli di base e di diagnosticare la necessità di un ginecologo in caso di complicazioni.
Dopodichè la simpatica casalinga mi ha preso il sangue per i vari esami compresa (finalmente!) la toxo e il ferro e visto che c'eravamo pure l'AIDS (mi sono sentita un po' offesa ma fa niente, diciamo che è l'occasione buona per levarsi anche sto dubbio, va), mi ha chiesto soavemente se avevo preso l'acido folico 4 settimane prima e 8 settimane dopo e quando le ho detto che nessuno mi aveva istruito su questo punto in quanto nessuno mi aveva cagato fino a questo minuto mi ha pure fatto la ramanzina del "se pianifichi una gravidanza a queste cose ci devi pensare". Volevo sputarle in un occhio ma menomale che il vikingo si è svegliato dalla catarsi e le ha detto che per quanto voluta questa gravidanza non è stata esattamente pianificata ed è successa molto prima di quanto ci aspettassimo. Certo mica pretendeva che il giorno che smettevo la pillola attaccavo con l'acido folico no? O sì? Insomma fanculo non l'ho preso e nessuno si è degnato di attirare la mia attenzione su questo punto in tutto questo tempo (e sono stata a suo tempo dal medico di base e dal ginecologo per l'amnio).
Poi ha preso i nostri dati anagrafici e saputo che non eravamo sposati ha fatto un sermoncino al vikingo sulla necessità di andare il più presto possibile in comune a dichiarare insieme la sua paternità. Sono rimasta sbaccalita quando ho saputo che sono io a dover dare al vikingo il consenso a riconoscere mio figlio e non viceveresa! Complimenti al livello di evoluzione!
Poi mi ha chiesto se intendevo allattare al seno e fin qui OK (ci ho già due tette da balia che mi vergogno) ma quando mi ha detto naturalmente parto in casa a momenti mi veniva un colpo apoplettico. Parto in casa??? Dove siamo???? In Burundi????? Mia nonna ha fatto il parto in casa ma si era nel 1932 a San Vitaliano: 5000 abitanti in provincia di Napoli e il parto in casa era il massimo dell'evoluzione giacchè la norma era il parto sioux in ginocchio nel campo di grano. No dico stiamo scherzando? Io voglio il parto a) INDOLORE b) IN OSPEDALE! A momenti litigavamo. Diplomaticamente il vikingo è intervenuto e ha dichiarato che ci avremmo pensato ma che io per ragioni culturali preferivo l'assistenza medica. La levatrice si è piuttosto risentita e mi ha rispiegato pazientemente che loro sono in contatto con le emergenze del St Radboud (l’ospedale ginecologico migliore d’Olanda - dicono) e in caso di complicazioni sono in sala parto in 5 minuti. Io ho decodificato che dopo avermi fatto soffrire per 24 ore, quando sto per lasciarci le penne, si degnano a considerare l'intervento medico. E naturalmente dell'epidurale manco a parlarne: è contraria alla filosofia del parto naturale (quindi con dolore). Quello che mi si consiglia di fare è un fottuto corso di respirazione e tecniche di rilassamento preparto che dovrebbe ridurre il dolore al minimo ... Sonja dice che con lei ha funzionato ma di lei mi fido zero in quanto è stata portata in ospedale 10 minuti dopo l'inizio delle doglie, morfinata e cesareata con urgenza o il figlio non vedeva la luce ... sì, per i primi 10 minuti può anche funzionare, ma voglio la testimonianza di almeno 10 donne che hanno partorito naturalmente senza dolore prima di assecondare questa decisione. Inutile dire che il vikingo, pur nel rispetto delle mie nevrosi (!) che attribuisce alla mia cultura da paese del terzo mondo (!!), è tutto pro-parto naturale ... certo, lo sarei anche io se il mio ruolo fosse quello di tenergli la mano e dire "respira, spingi, respira"!
Sarà una dura lotta.
In conclusione la levatrice mi ha chiesto se avevo domande e ho attaccato con la numero 1 della mia lista di 15, al che mi ha ficcato in mano una tonnellata di depliants dicendomi leggi qui c'è scritto tutto e non ti far le paranoie sulla toxo che se finora non sei stata male o sei già immune o ancora non ce l'hai dove sta il problema. Fra una settimana sono pronte le analisi del sangue stai rilassata ci vediamo dopo l'amniocentesi: questi sono i numeri d'emergenza se noti qualcosa che non va telefonaci subito.
Insomma menomale che finora sto da dio e a parte che mi sento un baule anche la sensazione spiacevole allo stomaco del mese scorso è passata, non voglio sapere che cosa mi aspetta in caso stessi davvero male! Spero di non dover mai utilizzare il numero d'emergenza.
Dulcis in fundo, al momento del commiato ha messo in mano al vikingo una busta di cartoncino che conteneva la provetta del mio sangue e gli ha detto di portarla all'ospedale o di metterla in una cassetta delle lettere. Avete capito bene: il mio campione di sangue sigillato in provetta era in una busta postale con tanto di indirizzo dell'ospedale di Nijmegen e solo perchè eravamo di strada e la reception del reparto trasfusionale era aperta l'abbiamo portata lì, altrimenti viaggiava per posta!!!!!!!!!!!!
Sono ancora sotto shock, ma giacchè i bambini qui mi sembrano tutti sanissimi devo concludere che il sistema funziona. Speriamo in bene.
 
PS: la creatura sta bene, misura 3.6 cm, possiede 2 braccia e 2 gambe e al momento dell'ecografia stava nuotando a rana su e giù per l'utero.
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk