paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2002

19 11 2002 punti

Oggi sono stata al controllo finale che conclude la quarantena post-parto e ne sono uscita indenne col timbro di perfetto funzionamento. Fa niente che secondo me ci sono ancora una decina di punti nella ferita, ma ormai chissenefrega, basta che non faccia male. Quale ferita? Uno dei tanti orrori del parto, il 'taglietto' come eufemisticamnte si definisce lo sbrego che ti fanno nella passera per aiutare la fuoriuscita della testa del bambino. Sembra pratica diffusissima, nessuna delle donne che ho sentito ultimamente ne è stata esentata, sembra che se non lo fai c'è rischio che ti sbreghi di tuo e sembra che siano cazzi. Non lo so, mia mamma e mia nonna hanno partorito fior di figli senza taglietti ... ma quando ti annunciano 'adesso ti tagliamo' tu sei talmente fuori che non hai la forza di chiedere perchè o di obiettare. I bastardi lo sanno secondo me e aspettano il momento psicologico opportuno per agire. Comunque anche volendo protestare il vikingo mi ha detto che l'operazione si è conclusa in meno di 10", prima che anche lui avesse il tempo di aprire la bocca e no, io non ho sentito niente perchè in quel momento ero oltre la soglia del dolore. Non avrei sentito niente nemmeno se mi avessero tagliato un piede credo. A cose fatte, quando il bimbo è già ben avvolto nelle copertine e lavato e anche la placenta è stata espulsa (fa più schifo a dirlo che a farlo) la ginecologa mi ha annunciato 'Adesso ti cuciamo. Non ti preoccupare che i punti si riassorbono da soli'. Io ero sempre fuori di me e senza cognizione spaziotemporale ma nonostante questo mi è sembrato che ci mettessero un tempo infinito. Vabbè, al tempo avevo di peggio di cui occuparmi, anche l'operazione di ricucitura è passata senza commenti. Del resto, che commenti puoi mai fare? Il balletto è cominciato qualche ora dopo quando, sparita l'anestesia, il taglietto ha cominciato a farmi un male infernale e per farla breve mi ha fatto un male infernale per 7 giorni, al termine dei quali urlavo ogni volta che tentavo di assumere una posizione diversa da quella orizzontale a gambe tese. Il settimo giorno è arrivata la levatrice e mi ha annunciato che mi avrebbero tolto i punti che non si erano ancora sciolti e ne ha tolti ben 8! Un secondo dopo mi sembrava di stare in paradiso e per la prima volta ho potuto sedermi senza cacciare urla da stadio. Ma il paradiso è durato meno di 24 ore, dopodichè mi sembrava di stare peggio di prima. Dopo un weekend dell'orrore mi sono decisa a ritornare dalla levatrice la quale mi ha esaminato e ha scoperto altri punti che non si erano sciolti. Ve la rifaccio breve, per 4 settimane mi hanno tolto punti al ritmo di 3 o 4 alla settimana, più quelli che son venuti via mentre mi lavavo (e non vi dico lo schifo) ne ho contati in tutto 18 e nella quinta settimana ho scoperto con orrore altri punti all'interno della passera, che però la levatrice mi ha detto che mi dovevo tenere perchè quelli davvero si dovevano riassorbire da soli. Per consolarmi mi fa "Sì, ci mette un po' a guarire, io sono stata in ballo 6 mesi." E sembra sia normale che la ferita faccia infezione, spurghi e insomma ti renda la vita un calvario per settimane e mesi (e la passera ovviamente inagibile per lo stesso tempo). E sembra anche normale che nessuno ti sappia dire quanti fottuti punti ti hanno dato cosicchè tu rimarrai nell'incertezza per il resto della tua vita. Quindi potete immaginare con quale gioia abbia accolto la notizia che la ferita è completamente cicatrizzata e a parte una trascurabile pustoletta che sta rientrando nei ranghi ho il nulla osta a riprendere le mie normali attività. Dei punti interni nessuna traccia, nessuno ha detto niente e a questo punto non voglio saperne niente nemmeno io. Occhio non vede, passera non duole. 
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk