paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2002

27 10 2002 confusa, felice e dolorante

Inizio col ringraziare tutti per le belle parole e i complimenti che hanno accompagnato il primo invio di foto. Per quanto riguarda Matteo non posso che condividere (è il bambino più bello del mondo e non si discute), ma per quanto riguarda me, ebbene non mi vedo affatto così radiosa come mi vedete voi ma distrutta e sfatta, soprattutto perchè il post-parto non è proprio scorrevole. Non so se lo fanno apposta a non dirti cosa succede dopo, forse sì, ma vi avverto: se vi parlano delle gioie dell'allattamento al seno sputategli in entrambi gli occhi! Che sia utile al bimbo non lo metto in dubbio, che possa anche contribuire a farti rientrare nelle misure pre-gravidanza in fretta mi sento di condividere (dopo meno di 3 settimane la pancia non c'è più!), ma è una pura agonia e sofferenza che mi tocca da 2 settimane (i primi giorni ancora le ragadi non ci sono) 7 volte x 2 tette al giorno/notte (stanotte alle 3 e mezza), tanto che ogni tanto quando Matteo si sveglia e spalanca la bocca mi viene da piangere ... vabbè, addapassà anche questa ma cazzo ... sono distrutta. Ed è questa la ragione per cui NON riceverete foto della sottoscritta, almeno fino a che non riuscirò a farmi fare un trattamento viso completo + lampada!
Il piccolo Matteo sta bene, anche se è ancora 60 grammi sottopeso: questo non è bello ma siamo sotto controllo strettissimo del medico e nei prossimi giorni spero di potervi dare notizie confortanti. La causa del sottopeso ha a che vedere con le ragadi naturalmente: o non produco abbastanza latte o non è abbastanza nutriente o lui non ne succhia abbastanza, comunque stiano le cose le ragadi non fanno altro che peggiorare la delicata situazione e non entro in dettagli che mi viene il magone.
Me lo avevano detto, ma tra il sentirselo dire e il doverlo fare ci passa un TIR: un neonato richiede attenzione e dedizione costante. 24 ore su 24, senza sosta. Negli intervalli tra le poppate e i cambi di pannolini o dormo (che sennò quando?) o faccio quel minimo di spese di sussistenza ... perfino fare la doccia è diventata una corsa ad ostacoli ... certi giorni arrivo a sera senza nemmeno essere riuscita a fare la pipì, mangiare è diventato un simpatico optional e dormire più di 2 ore per volta una chimera. Ma sono le prime settimane, fra un mese dovrebbe andare meglio e vi dico fin d'ora che lavorare anche 10 ore al giorno in agenzia è meno faticoso e sarò FELICE di mollare il pupo alla babysitter e tornare in ufficio a smazzare grane! Scherzo naturalmente, so che mi verrà un magone pazzesco e che piangerò tutto il giorno quando dovrò lasciare la creatura, ma preferisco non pensarci.
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk