paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2002

20 09 2002 non ne posso più

Mancherebbero ufficialmente ancora 4 giorni al lieto evento e ieri mi è stato confermato che nulla osta alla nascita in quanto il pupo è già in posizione di lancio, ma già da sabato scorso non ne posso veramente più di barcollare sotto il peso di un pancione smisurato, col fiatone ogni 50 metri, sempre più stanca, gonfia (regalino dell'ultima settimana: un bel surplus di ritenzione idrica) incazzata e depressa, in balia di ormoni sempre più impazziti. E non sono nemmeno incominciate le doglie che saranno il top di questa esperienza allucinante, ma a questo punto le anelo: qualunque cosa pur di farla finita. Giuro che nemmeno con la pistola alla tempia ne faccio un altro. Giuro che NON E' naturale che una povera donna debba sopportare tutto questo per mettere al mondo un figlio. Le femministe hanno ragione: se a partorire fossero i maschi avremmo la gravidanza in provetta da SECOLI. Perfino le galline sono biologicamente più avvantaggiate di noi nel campo della gravidanza. Siamo riusciti a dissezionare il DNA e prestabilire sesso, IQ e prestazioni atletiche del nascituro che Gattaca ci fa le pippe ma ancora dopo millenni non siamo riusciti a migliorare la macchina della riproduzione biologica, tanto che il massimo dell'avanguardia è l'utero in affitto, ovvero fai fare il lavoro sporco a qualcun'altra. Assistere impotente per nove mesi e rotti allo sfacelo del tuo corpo e all'annientamento della tua personalità non è una bella cosa, nessuno ti dice quanto costa emotivamente tutto questo e ti senti liquidare con sì beh capita a tutti ma poi vedrai che ne vale la pena. Io ci conto che ne valga la pena, altrimenti dovrei concludere che siamo una massa di deficienti e ci meritiamo il posto di merda che la società ci ha assegnato dalla rivoluzione agricola del 4000 a.C. Fatemi ripigliare da questa esperienza allucinante e poi ve lo scrivo io il libro-verità sulla maternità!
Domani è luna piena, se non nasce faccio una strage!
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk