paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2002

16 01 2002 down under

Dopo 17 giorni di trasferta in NZ ho finalmente trovato un ostello che fornisce internet a gratis (tutti gli altri ti fanno pagare 2$ per 10 minuti!!!) e vi posso telematicamente augurare uno splendido 2002.
Qui è in corso la peggiore estate da 30 anni a questa parte, il che vuol dire che invece di bruciarci in 10 minuti col sole a picco che contraddistingue le estati NZ, ci siamo inzuppati fino al midollo di sana pioggia novembrina e siamo fortunati perchè non abbiamo incocciato il nubifragio che ha devastato la costa nord di South Island, praticamente il primo posto che abbiamo visitato e dove c'era ancora il sole!
A parte ciò, meno male che il sole non splende sempre perchè qui la permanenza media prima di bruciarsi è 10-12 minuti, ok, calcolati sulle pelli lattee degli anglosassoni, io ci ho messo 1 ora a bruciarmi il naso e le orecchie, però insomma se penso che abbiamo camminato nel bush per un totale di 72 ore se ci fosse stato sempre il sole altro che scottature! Il vikingo riesce a bruciarsi anche sotto la pioggia e siamo alla seconda bottiglia di pizbuin protezione 15.
Ma lasciando stare la meteorologia e anche le mosche-zanzare che mi hanno ridisegnato i polpacci a morsi (adesso pensavo di esporli al museo di arte moderna hai visto mai che lì piacciano) questo paese è fantastico e se non fosse che non c'è un cazzo di cultura nemmeno a cercarla col lanternino mi trasferirei domani. Però il deterrente di dover vivere in città con 1 solo cinema e 1 sola libreria dove il prodotto culturale più alto è American Pie 2 e i romanzi di Wilbur Smith è sufficiente a farmi riprendere l'aereo.
Oggi siamo a Wanaka, dove abbiamo visto delfini e orche e foche e albatross e ... insomma un sacco di animali allo stato brado a distanza di pochi metri (meno non si può perchè o scappano o attaccano). Per via delle orche non abbiamo potuto nuotare coi delfini: giustificazione ufficiale "la presenza di orche assassine sconvolge i delfini che di conseguenza tendono alla diffidenza" ... io dico che la presenza di orche sconvolge ME abbastanza da farmi rinunciare a mettere un solo dito in acqua, va bene che secondo le guide queste attaccano solo squali e mante e occasionalmente delfini (da cui la diffidenza) ma non vorrei entrare in una futura guida come il primo caso registrato di attacco agli umani, poi dove ci sono le orche tendono ad esserci anche squali per ovvie ragioni alimentari, insomma NOT A GOOD IDEA.
Domani andremo a Hanmer Springs per sollazzarci nelle terme naturali (sulla guida foto di gente che fa il bagno nuda con la neve fuori). Come finale di vacanza ci siamo concessi il lusso di prenotare il resort più fighetto con vasca termale in camera ... wow!
Poi l'ultima sera a casa di gente incontrata nel bush:. una coppia che abita a Christchurch ma che ha passato un paio d'anni in Olanda e quindi abbiamo fatto un'amicizia-lampo parlando dell'orrido cibo olandese mentre cucinavamo cibi disidratati in una baita di montagna sotto l'uragano ... loro tornavano a casa il giorno dopo, saputo che noi stavamo nel bush altre 2 settimane evidentemente hanno avuto pietà. Questo o sono vampiri (lei in effetti è rumena), vi dico come si chiamano just in case: Carol e Peter Stevens, abitano nel quartiere Cashmere a Christchurch (l'indirizzo preciso non l'ho sottomano, qualcosa come Waoaroa Terrace 50). Se non mi sentite entro il 21 scatenate l'interpol!
Scherzi a parte, è stato bellissimo, non vedo l'ora di ritornare e non sono ancora partita!
Ci vediamo in euroland, sarà uno shock!
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk