paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2007

29 06 2007 ultime notizie prima delle vacanze

Sulle ginocchia e con la lingua a terra sono arrivata al fatidico venerdì 29 giugno pomeriggio, che segna il traguardo delle mie meritatissime vacanze. Per 3 settimane il boeing si deve autopilotare, io mi paracaduto su Antibes dove intendo non fare assolutamente niente per 21 giorni e 23 ore.
Ed ora le novità salienti:
Alla faccia del global warming qui fa un freddo cane ormai da settimane. A parte qualche sporadico intermezzo con giornate di sole e temperature che toccano le vertiginose altezze tropicali di 27°, dal 10 maggio piove, temporaleggia, tempesta e tormenta con temperature media tra 12° e 18°. Più che estate sembra marzo e tutti sono depressi. C'è da dire che se fa caldo si lamentano ancora di più, dal che deduco che sono un popolo di scassacazzo.
Mercoledì Matteo ha dato il suo primo esame di nuoto (!) e mi si è riempito il cuore d' orgoglio nel vedere come questo frugolino di un metro e 9 cm scarsi va sott'acqua e nuota a delfino (con la tavoletta, d'accordo, ma che si pretende da uno che fino a un mese fa aveva paura di bagnarsi la faccia). E' stato uno di quei momenti in cui capisco perchè si fanno i figli e alla fine dell'esame guardavo tutti con la faccia di chi ha appena vinto un oscar.
Stamattina c'è stata la festa di fine anno a scuola e quando sono arrivata (ovviamente in ritardo perchè dovevo lavorare, ma c'era il vikingo in rappresentanza) tutti i genitori avevano gli occhi lucidi perchè pare che i bimbi abbiano cantato e ballato con una parvenza di coreografia. Sorrisi ebeti e sguardi orgogliosi di chi si dice 'questo l'ho fatto io!’ Visto da fuori fa un sacco ridere e capisco perchè chi non ha figli ci considera dei pazzi furiosi.
E che dire di domenica scorsa, locale festa del papà, quando Matteo ha declamato un'intera poesia in onore del padre, tutta in olandese per di più?
Cioè, lo so che è normale e che lo abbiamo fatto tutte alla sua età - anche se non in olandese che secondo me è un bel po' più difficile - ma io avevo la bocca aperta e l'occhio a palla, perchè dopo 4 anni di notti insonni, capricci, pianti, vomiti, malattie varie, 7 pannolini al giorno x 2 anni e mezzo e liti furibonde per vestirlo e per farlo addormentare i restanti 2 anni, non puoi credere che quell'angioletto che recita la poesia seduto sul letto è lo stesso mostro che ti fa desiderare l'aborto e l'infanticidio almeno 3 volte al giorno.
Martedì alle 17.45 è stata data la notizia che Talpa/Tien, l'emittente televisiva di John de Mol - inventore del Grande Fratello - è stata assorbita da RTL. Mi sono sganasciata dalle risate perchè tre ore prima ero a presentare la mia ultima creatura al CEO di una joint venture tra Rabobank e Talpa, che se la tirava manco fosse lui John de Mol. Bello sapere che tre ore dopo il suddetto CEO era disoccupato, ancora meglio sapere che la mia fattura verrà onorata da Rabobank in quanto il nostro contratto è a prova di bomba. Di fatto nessuno ha mai creduto che Talpa fosse destinata a durare e in tutti i contratti dalla sua nascita ci sono clausole di recessione grosse come case. Una battuta emblematica sul quotidiano di mercoledì: 'Mai visto Talpa/Tien ma son contento che non ci sia più' e il titolo di ieri 'Talpa non ci mancherà'. Perchè tanto accanimento? Mah, forse perchè John de Mol si è presentato come il messia che avrebbe insegnato a tutti come si fa la TV e ha subito cominciato a tagliare noi fuori dai contatti/contratti con i clienti? Oppure perchè ha comprato a suon di milioni le migliori trasmissioni della STER (leggi RAI) e le ha infarcite di pubblicità su Tien? Oppure perchè ha rilevato, sempre a suon di milioni, i migliori presentatori della STER e li ha costretti a fare programmi commerciali di scarsissimo successo? Suona noto, vero? Ma John de Mol non è il Berlusca per nostra fortuna. Così oggi si brinda al fallimento dell'arroganza milanese in suolo calvinista. Il John comunque è caduto in piedi con 27% delle azioni di RTL e contratti privilegiati per lo sviluppo di programmi (già il 90% dei programmi di RTL lo produce lui, quindi non cambia nulla). Tutto lo staff di Talpa/Tien invece è stato licenziato in tronco - tranne Linda de Mol che in quanto sorella di John passa per contratto sotto RTL insieme alla TV. Che schifo.
Per concludere in bellezza ieri ho ufficialmente lasciato 2 dei miei clienti preferiti (sniff sob): del resto non posso fare tutto e something's gotta give. Peccato che nel gioco delle sedie musicali sono caduti Campina e Albert Heijn mentre Rabobank è rimasto saldamente in sella: avrei dato uno contro due volentieri ma mi è stato detto che non si può. Così riparto dopo le vacanze con un portafoglio clienti normale e con la speranza di non dover lavorare tutti i weekend.
E adesso è arrivata la baby sitter e finalmente posso andare in palestra. Ci sentiamo da Antibes.
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk