paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2007

27 02 2007 post scriptum matrimoniale

Dopo aver adeguatamente riposato ed essermi nuovamente calata nella quotidianità mi accorgo che la mail precedente non era completa: mancavano infatti quegli abituali tocchi di cinismo a cui vi ho abituate e di cui non intendo privarvi. Eccoli qui.
Non capisco come mia madre che ha definito la musica 'un calo di stile' e 'da osteria' non abbia trovato niente da dire sull'orrenda pacchianata che è stata la torta nunziale. Quando ho visto le orribili bamboline, con il il dettaglio vomitevole della sposa in altalena, su quell'enorme piramide oltretutto risultata poi clamorosamente falsa mi sono sentita mancare. Ma come? Non avevo detto al catering facciamo una cosa di gusto mi raccomando? E se non lo avessi specificato che cosa sarebbe successo? Non oso immaginare.
In compenso quando le ho chiesto (con apprensione, non lo nego) al tavolo delle vegliarde che cosa ne pensavano del vostro poema il suo commento è stato "le rime erano un po' traballanti". La traduzione, nota solo a chi la conosce da 40 anni, è "poi facciamo i conti". Anche i sorrisi tirati delle amiche non lasciavano presagire nulla di buono così ho pensato bene di metterci il carico da 90 e - rivolgendomi a Lucio - ho detto "Però è proprio una fedele sinopsi di quello che è successo quell'anno e che è fedelmente riportato nello sfigario. Non diresti che ne hanno colto lo spirito?" al che mia madre è impallidita ancora di più e ha esclamato "ma come, lo ha letto anche lui???". Ora, che cosa si aspettava da un libro che è stato pubblicato, sia pure solo su Lulu? Che non lo leggesse nessuno? Mah. La sparata in ogni caso l'ha ammutolita e sono sicura che a quel punto anche le rime traballanti del poema le sono sembrate il dolce stil novo di Dante Alighieri.
Non so voi, ma io ho avuto l'impressione che l'aperitivo/antipasto avrebbe dovuto durare mezz'ora in meno. Verso le sette e un quarto ho notato un calo nelle energie: la gente ha smesso di venire a congratularsi e/o darmi buste e il volume globale delle chiacchiere si è smorzato, mi sembrava che fossero tutti lì seduti a chiedersi che cosa fare. O dite che si erano rimpinzati troppo? Io come da prammatica ho fatto in tempo a mangiare solo 4 tartine e dire che mi ero ripromessa di assaggiare un esemplare di ogni cosa! In compenso a cena il pesce era troppo asciutto e la tanto decantata pasta con l'astice non mi ha fatto impazzire (dove diavolo si era nascosto l'astice?). Sarà forse perchè ho mangiato tutto freddo? Infatti il risotto che ho mangiato subito mi è sembrato una delizia. Del buffet di dolci di cui tutti si sono rimpinzati come se fossero digiuni da settimane (incredibile) non ho mangiato quasi niente perchè a quel punto avevo la nausea. Avrei volentieri chiesto la doggy bag per il giorno dopo, perchè non mangiare neanche un decimo di quello che ho sognato con l'aquolina in bocca durante tutti i mesi di dieta mi è sembrato assurdo. Quindi come minimo adesso prenoto una cena di 6 portate e spedisco il conto al catering!
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk