paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2001

01 03 2001 siamo tutti sportivi

Il 28 aprile si corre la Batavierenrace - familiarmente detta BATA - che è una corsa notturna a staffetta da Nijmegen a Enschede (www.batavierenrace.nl). Il vikingo mi ha iscritto sin dallo scorso dicembre alla prima tappa di 3.3km e a chi devo passare la staffetta? A lui naturalmente, che corre la seconda tappa di 7.1km. Romantico vero? Peccato che io faccio 3.3km forse in 20 minuti sputando un polmone, invece, per essere non dico tra i primi ma nemmeno tra gli ultimi, dovrei riuscire a coprire la distanza in 15 minuti. Settimana scorsa ho notato che mancano solo 2 mesi all'evento e ho cominciato ad innervosirmi. Sono andata in palestra dove ho constatato che 20 minuti mi servono tutti per coprire 3.3km, il polmone non lo sputo ma nemmeno mi sento bene alla fine. Parallelamente il vikingo (che crede di essere più furbo di me) ha iniziato casualmente a chiedermi di andare a correre con lui un paio di volte alla settimana invece che solo una ogni tanto. Io ho mangiato la foglia quando sabato scorso siamo andati al parco sotto la neve e lui - che non possiede orologi perchè li odia - mi ha chiesto in prestito il mio chrono swatch. Al parco ci sono vari circuiti di corsa campestre: sono riuscita a fare quello da 3km in 17 minuti vomitando la prima comunione. Lui soddisfattissimo e implacabile adesso ha steso un piano di allenamento che prevede 3 sessioni alla settimana di corsa e 1 o 2 di aerobica. Lunedì abbiamo fatto la prima sessione di allenamento (corsa a velocità costante su terreno misto), stasera temo che sarà la volta degli scatti ... me lo sento ... a me gli scatti tagliano le gambe ... li odio! Domani sera aerobica in palestra, sabato corsa a cronometro nel parco, domenica ancora aerobica in palestra. L'unico lato positivo di tutto ciò, la cosa su cui mi sto concentrando attualmente, è che se davvero faccio 4 o 5 sessioni di attività sportiva semi-agonistica a settimana per due mesi posso mangiare tutto quello che voglio quando voglio ... soprattutto tutte quelle cose che fanno ingrassare tipo cioccolato e biscotti ... sarà credo la prima volta nella mia vita. Mi fa un effetto stranissimo solo a pensarci.
….
Reduce da 4 gg di sci intensivo + 5 gg di corso di olandese intensivo + 4 sessioni di training aerobico intensivo ho il piacere di comunicarvi quanto segue:
Nonostante non sciassi da 15 anni (almeno) è stato come se non fosse passato neanche un giorno: scio di merda come 15 anni fa.
Col cazzo che facendo sport posso mangiare quello che voglio: sono di nuovo a dieta da quando mi sono pesata (lunedì) e ho scoperto di aver messo su un altro kg. Ammettiamo pure che 1 kg sia trasformazione di massa grassa in massa magra (ma ceertoo) ma l'altro 1.5 kg ? eh?
Sono proprietaria di un certificato che attesta il mio livello di conoscenza della lingua olandese a 4+ su 5. Il livello 5 è lingua-madre. Sono un pochettino scettica e penso malevolmente che con quello che ho pagato per il corso ci credo che vogliano farmi fare bella figura. Semi-lingua madre o no, fatto sta che adesso posso mandare a cagare chi voglio in 5 lingue e non mi pare male.
Qui tempo cane, piove ed è tornato il gelo. Giusto oggi guardavamo la Parigi-Nizza di ciclismo in TV e alla vista delle palme e del mare blu e del sole tiepido di primavera mi sono venuti i lacrimoni. Meno male che sono a dieta così non mi sono potuta attaccare alla buatta di nutella, ma ragazzi, che tempo di merda che c'è qui. Tanto che a Dobbiaco settimana scorsa con 5° e nebbia che non ci si vedeva a tre metri mi sembrava già primavera ... se non piove, non tira vento e la temperatura è sopra zero per gli standards di qui è bel tempo. Venerdì, per premiarmi alla fine del corso intensivo di olandese, mi sono concessa la mia prima vera sauna finlandese, cioè all'aperto con tuffo nella vasca gelata (non è stato necessario rompere il ghiaccio perchè c'erano +2°) e devo dire che pensavo peggio. Sono sopravvissuta. Mi ha finito l'insegnante di aerobica cocainomane due ore dopo: ad un certo punto mi si è annebbiata la vista e volevo andare via, ma la troia mi ha bloccato e mi ha ingiunto di tornare al mio posto e finire l'ora: gesù come avrei voluto che le venisse un ictus ... invece a momenti veniva a me ... mai più nella vita, mai più.
Mi sono data malata venerdì, in effetti non stavo benissimo (mal di gola, mal di stomaco) e mi scocciava peggiorare la non felice situazione uscendo sotto il gelo e la pioggia solo per fare l'eroe del lavoro. Considerato che avevo solo 2 riunioni interne ho telefonato con voce più sepolcrale che potevo e ho scoperto che una delle persone con cui avevo le 2 riunioni era malata! Già solo questo mi ha fatto sparire ogni senso di colpa e sentire subito meglio: mi sono fatta un giorno intero stesa sul divano a leggere tutte le riviste di moda che non ho mai avuto il tempo di leggere da 1 anno a questa parte, mi sono sentita molto bridget jones e la sera stavo benissimo, tanto che siamo andati a ballare fino alle 3 e poi a Parigi in treno il giorno dopo all'alba argh! A parigi tempo schifo, lieve senso di straniamento essere lì con il vikingo dopo dieci anni che non ci torno ... ricordi delle gite precedenti, altre vite. Philippe (l'amico che siamo andati a visitare) più grasso e chiuso di come me lo ricordavo, sua moglie Nathalie deliziosa come sempre, l'adoro e spero che Philippe sappia l'affare d'oro che ha fatto! Bella casa, vini ottimi, praticamente ubriachi già alle 3 ci siamo fatti un giro in centro sotto l'uragano, senza ombrello perchè il vikingo detesta naturalmente gli ombrelli. Io condivido pienamente l'odio per gli ombrelli, ma quando viene giù a secchiate faccio eccezione. Lui no. Se non mi sono presa la broncopolmonite sabato non la prenderò mai più. A casa di Philippe per cena, roba da guida michelin, quasi imbarazzante. Io ho parlato quasi sempre francese per rispetto a Nathalie che segue male l'inglese, il vikingo mi guardava come se fossi la madonna, se bastasse sempre così poco ... mon dieu quelle bagattelle, mi imparo al volo un'altra lingua (SCHERZOOOO!). Tornati ieri sera rimpinzati come tacchini il mitico TGV ha fatto qualcosa come 20 minuti di ritardo facendoci perdere la coincidenza per l'Olanda: il vikingo inkazzatissimo dice che chiederà il rimborso all'NS, inutile fargli notare che il TGV è francese e non esiste accordo in Francia per il rimborso in caso di ritardo come invece esiste in Olanda. Faccia pure: si diverte e intanto gli passa la rabbia. Io serafica e zen lo seguivo da un treno all'altro con il sorriso sulle labbra. A casa ho chiesto ad Eva che tempo aveva fatto: freddissimo e pioggia. Beh non ci siamo persi niente dico al vikingo e lui mi fa, vero, non ce ne siamo persi neanche una goccia. Che in inglese è una battuta fantastica. Nemmeno i ritardi gli fanno perdere il senso dell'umorismo: molto bene!
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk