paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2001

20 02 2001 kermis

Carnevale qui è una cosa seria: le scuole chiudono da sabato a martedì e molti uffici lasciano gli impiegati a casa per i festeggiamenti. Ma nel sud del paese, Brabant e Limburg, tutti i villaggi preparano una parata tipo viareggio, una roba kitschissima oltre ogni immaginazione. Settimana scorsa non so come siamo arrivati sull'argomento carnevale e il vikingo mi ha spiegato le usanze locali. Guarda caso ne stavano parlando anche al TG e hanno fatto vedere i preparativi per la parata di Deurne (luogo natale del vikingo, 30mila abitanti, vicino a Eindhoven) al che a momenti il vikingo caccia un urlo e mi fa segno di guardare. Io ho diligentemente eseguito ma non ci ho capito granchè anche perchè ste cose sono un po' tutte uguali dappertutto, ma a lui brillava la commozione nell'occhio. Poi si è girato verso di me e ha ripreso la sua personalità alternativa dicendo, sì robaccia, non ci vado da vent'anni, è orribile, mi fa schifo. A me non so bene che cosa ha preso, essendo totalmente neutrale sull'argomento ho commentato che era un'usanza tipica carina, che da noi il carnevale non è così sentito e ho chiesto innocentemente se non sarebbe stata una cosa alternativa andare a dare un'occhiata, così tanto per fare una cosa diversa dal solito, domenica pomeriggio dopo la palestra. Non l'avessi mai detto! il vikingo ha passato il resto della sera a telefonare a familiari e amici residenti in quel di Deurne per organizzare la domenica alla parata. A tutti diceva che IO ci tenevo moltissimo tanto che alla diciottesima volta mi sono sentita in dovere di fargli notare che io non ci tenevo affatto, evidentemente LUI ci teneva molto di più di me! Infatti domenica siamo andati a Deurne a beccarci un freddo cane (e meno male che almeno non nevicava): la parata non finiva più, c'erano 121 carri, alcuni dei quali effettivamente anche spiritosi ma tutti orribilmente lenti. Per fortuna abbiamo riparato poi in casa di amici dove per l'intero pomeriggio abbiamo mangiato e bevuto davanti al caminetto acceso. Al ritorno il vikingo ha commentato "E così siamo a posto per altri vent'anni." ma ho come l'impressione che lui si fosse divertito come un bambino ... Devo dire che al di là del vero feeling del vikingo, una domenica del genere va giusto fatta una volta ogni vent'anni o giù di lì perchè il solo pensiero di rifare l'esperienza sia pure tra 1 anno mi fa venire male ... l'anno prossimo portebbe piovere o nevicare ... gesù, che incubo.
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk