paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2001

02 02 2001 media werkgroep

Sto scrivendo a scrocco della conferenza MWG (Media Werk Groep, una specie di SMAU del media) che quest'anno si tiene a Noordwijkerhout (vi sfido a pronunciarlo), un posto di mare tra Haarlem e Den Haag (L'Aia). Mi sto rimpinzando di te biscotti panini e cazzate varie di cui mi pentirò sicuramnete stasera ma sono prigioniera nel solito poliedrico centro congressi in un posto in culo al mondo, che altro posso fare? Nella pausa caffè cerco il beauty center e mi faccio fare la ceretta e con questo le attività mondane sono finite. Devo purtroppo rimanre qui fino a notte fonda per presenziare alla cena e alla festa dopocena, il mio capo vuole presentarmi al gotha del media olandese ... mi avanza da morire ma è il mio capo e alla mia richiesta di scambiare il mio ambito invito (so che ci sono almeno 4 persone solo nel mio ufficio che si prostituirebbero per averlo) con una serata in famiglia mi ha risposto che non se ne parla nemmeno e questo è un evento annuale ed è la cosa più importante di tutto il settore e ci vanno tutti ed è fondamentale per le PR e blablabla. Insomma (kortom, si dice qui) ci devo andare e niente capricci. E così sono qui in mezzo ad un migliaio di olandesi sconosciuti tutti del mio settore (orrore) che se la contano su, loro sì che si divertono: non stanno lavorando, bevono e mangiano a sbafo, incontrano tutti i loro amici magari ci scappa anche la sveltina al cesso coll'ex-collega tanto carino ... che ci faccio io qui? Io che ho fatto 1000 km proprio per andare via da tutto questo? Per fortuna che c'è l'internet center, almeno mi diverto, anche se questa postazione è LENTISSIMA! Comunque fuori splende il sole, prima ho fatto un giretto nel piazzale del centro congressi tra una foresta di congressisti olandesi tutti uguali alti due metri con il loro cartellino appeso al collo, il loro folderino giallo con la matita infilata nella costa e il loro Nokia all'orecchio. Gli olandesi amano il cellulare come noi, anzi quasi peggio. La mattina in autostrada è un continuo, già perchè in questo posto sperduto ci sono dovuta arrivare in macchina, 3 ore per fare 120 km!!! Coda solida da Arnhem a Uthecht e poi da Haarlem a Leiden. Tra Utrecht e Haarlem l'autostrada è a 4 corsie e quindi si spiega come si riesce ad andare alla folle velocità di 100/120 km ora. È già la terza volta che mi capita di fare in macchina Nijmegen-Utrecht e a qualunque ora parto è sempre lo stesso. Anche il vikingo mi conferma che quando doveva andare a Den Haag si alzava alle 5 ma c'era già coda tra Arnhem e Utrecht! Tipo che c'è una comunità di nomadi che vive in macchina tra Arnhem e Utrecht? Comunque dicevo, in coda al mattino sull'autostrada in ogni macchina c'e un conducente con telefonino incollato all'orecchio. Se invece il conducente ha più di 50 anni legge il giornale, vedi la differenza generazionale. Anche qui da stamattina è un trillo continuo in sala. Tipo che non sapete come funziona il vibracall? Insomma, a parte l'occhio azzurro e il capello biondo e l'altezza la comunità europea esiste ed è uguale da Milano a Noordwijkerhout. Oh, si è fatto tardi, torno a dormire in sala: c'è il solito intervento sul solito futuro incredibile che ci ritroviamo già qui grazie a internet e ancora poveri stupidi non ce ne siamo accorti ... gesù quanti anni sono che mi spappolano i coglioni con sta merda???
Al ritorno dalla pausa pranzo si sono materializzati in sala praticamente tutti quelli che conosco qui: 2 miei colleghi e il chairman della filiale olandese della mia ex agenzia, quello che mi ha fatto quasi firmare un contratto al primo colloquio il 6 novembre e mi ha chiesto perchè non potevo essere lì il 1 dicembre per poi non farsi più sentire fino al 22 dicembre ore 19:45 con una mail che diceva pressapoco scusa ma non ci servi più. Volevo sputargli in un occhio o ignorarlo ma giacchè il mio capo mi paga per fare PR oggi ho sfoderato il mio migliore sorriso e sono andata a slutarlo in olandese. Gli ho spiegato sempre in olandese dove sono e che cosa faccio, lui con faccia da tolla incresciosa mi fa "Sono felice per te, ti avevo poi scritto che non ci servivi più? Mi pare di sì vero?" Gesù che cafone. La comunità pubblicitaria è più grande della comunità europea ... tutti uguali ... vomito. In realtà vomito per i 6 panini 6 alle uvette che mi sono mangiata voracemente per pranzo e che adesso mi pesano sullo stomaco e sulla coscienza ... buonissimi ... come fanno ad essere così buoni dei semplici panini con uva passa sfugge alla mia comprensione. Qui certe cose semplicissime tipo il cioccolato, lo yogurt, il latte e il formaggio sono uno sballo, poi certe cose tipo la maionese Calvè e la coca cola fanno schifo ... misteri del marketing e della produzione.
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk