paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2001

20 10 2001 nummerplaat

Un giorno non lontano decisi di comperare un'auto.
Perchè ancora non sapevo cosa mi aspettava e cioè un trasloco all'estero!
Adesso che la tragedia burocratica è quasi finita riesco a parlarne senza tic nervosi, ma le ultime 4 settimane sono state una vera prova d'amore per la mia smartina. Persone con le coronarie meno forti e i nervi meno saldi avrebbero ceduto e venduto la smart piuttosto che passare quello che ho passato!
Tutto cominciò quando il solito beneinformato mi disse che non potevo circolare qui per più di 6 mesi con una targa italiana: se mi cuccavano erano guai. Allora diligentemente se pure un pò in ritardo mi sono recata al centro smart di Utrecht e ho chiesto di avviare le pratiche per il cambio di targa. Il gentilissimo capoofficina (un monumento bisogna fargli) si è informato e mi ha perfino preso appuntamento alla RDW (credo sia la motorizzazione) di Arnhem, poi mi ha detto che avrei ricevuto una lettera di conferma con le istruzioni entro una settimana. Lettera ricevuta prontamente, appuntamento il 19 settembre, presentarsi con legitimatie (identificazione) della macchina e mia, certificato di residenza e bollettino bancario per 100 mila pagato, più altre 250 mila da pagarsi in loco per le spese istruttorie. Mi presento all'indirizzo indicato, nel solito ameno parco industriale sotto un viadotto autostradale e dopo avermi estorto le 250 mila (subito) e avermi fatto aspettare 1 ora mentre 3 individui in tuta blu mi smontavano e rimontavano la smart mi dicono che non possono completare la pratica perchè:
la carta d'identità non è una valida legitimatie, devo avere il passaporto
il certificato di residenza è sbagliato, ci vuole un altro modulo
devo portare una dichiarazione di esonero tasse di importazione fatta dalla dogana di Nijmegen
devo smontare il selettore CD (sotto il sedile paseggero) perchè il numero di identificazione del veicolo trovasi lì sotto.
Eseguite le suddette operazioni e procuratimi i documenti giusti posso ritelefonare per un nuovo appuntamento. Il tutto entro 4 settimane dal primo appuntamento o devo ricominciare tutto da capo e addio 100+250 mila già pagate.
Mi è stato dato un biglietto con il numero di telefono della dogana di Nijmegen che si rivela clamorosamente sbagliato, dopodichè passo 2 settimane a cercare il numero giusto che naturalmente non è nè sull'elenco telefonico nè sulle pagine gialle. Quando finalmente lo trovo e riesco a parlare con un impiegato a momenti questo mi schiaffeggia perchè la dichiarazione di esonero va fatta al momento del trasloco e non 9 mesi dopo. Mica sto cercando di importare una macchina nuova facendola passare per proprietà personale???? Protesto ignoranza carica di femminilità compreso sbattimento di ciglia e vocina tenera e lacrimosa (che in olandese non è che viene proprio bene come in italiano) e l'impiegato burbero mi chiede quando la macchina è stata immatricolata. Si ammorbidisce soltanto quando, contati i mesi tra l'immatricolazione e la data del trasloco, verifica che sono più di 6 (per un pelo: sono 9!) e ringhia che ho diritto all'esonero, mi dice di presentarmi asap con certificato di residenza e passaporto dalle 8 alle 16 dal lunedì al venerdì. Mi precipito al Comune di Nijmegen per il certificato di residenza e il giorno dopo alle 8 sono alla dogana. Dove un altro impiegato mi chiede che cazzo di documenti ho mai portato e mi fornisce un elenco lungo e complesso che devo portare in originale e fotocopia perchè loro le fotocopie non le fanno. Mi riprecipito in Comune e a casa per recuperare tutti i pezzi di carta (menomale che tengo anche gli scontrini del super sennò erano cazzi amarissimi), riesco a fare le fotocopie e alle 9 sono di nuovo alla dogana. A questo punto anche l'impiegato si deve arrendere alla mia implacabile efficienza e mi offre una tazza di the lasciandomi a compilare il modulo di richiesta esonero tasse di importazione (3 pagine) mentre lui mette un pò di timbri qui e là e dopo 45 minuti torna con la dichiarazione di esonero tasse di importazione rassicurandomi che adesso non devo più tornare alla dogana e posso circolare liberamente in Olanda con la mia smart (considerando che lo faccio da 9 mesi mi pare grottesco ma evito di ridere). A questo punto ritelefono alla RDW che mi dà appuntamento 3 gg dopo e ritelefono anche al centro smart per farmi smontare il selettore CD. L'efficientssimo capoofficina mi dà appuntamento per il giorno dopo e una volta là mi spiega pazientemente che il numero di identificazione del veicolo non si trova sotto il selettore CD ma sotto la pedana poggiapiedi del passeggero (le proprietarie di smart prendano nota che un giorno può venire utile), la quale può essere smontata facilmente da chiunque e rimontata in 10 secondi. Mi reco quindi alla RDW carica di buona volontà e a parte il fatto che mi perdo nei meandri del parco industriale e arrivo con 30 minuti di ritardo, dopo un'altra ora di agonica attesa e 75 mila per la chiusura pratica passo finalmente all'ufficio doganale di Arnhem con tutti i miei documenti a posto, compilo l'ennesimo modulo, sento il grato rumore dei timbri sulla carta e ricevo il pezzo di carta che dichiara che entro 2 settimane (cioè entro lunedì prossimo) riceverò per posta il numero di targa. A quel punto potrò ordinare al centro smart la targa vera e propria e dovrò cambiare la mia patente italiana con una patente olandese perchè non posso guidare un veicolo olandese con patente italiana!
E questo mi sembra veramente il colmo dei colmi!
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk