paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2001

20 07 2001 vierdaagse intocht

Ovvero, la fine della corsa con arrivo trionfale in St Annastraat (dietro casa mia) che per l'occasione viene ribattezzata via gladiola, tappezzata di gente festante che sventola mazzi di gladioli.
Il tempo durante i 4 giorni di marcia è stato inclemente, ha piovuto praticamente sempre con temperature artiche (abbiamo anche toccato i 10º) e l'unica variante era la quantità d'acqua che si riversava sui poveri marciatori: da acquazzone tropicale a pioggerellina novembrina. Per lo stesso motivo le serate non sono state così folli come si usa solitamente, noi siamo andati in vita 6 sere su 7 di zomerfeest e di queste solo in 2 abbiamo ballato fino all'una di notte, altrimenti a mezzanotte tutti sottocoperta. Anche così sono distrutta. Prima di dire che l'età si vede, consideriamo che il giorno dopo ogni uscita baccanalica sempre il treno delle 7:20 per Utrecht mi aspettava! E che cazzo, a Milano almeno quando facevo le 3 di notte poi dormivo fino alle 9 e compensavo. Comunque venerdì sono riuscita a lavorare a casa, il che mi ha permesso alle 15:30 di farmi 2 ore sotto la pioggia per vedere l'arrivo della corsa. È stato bello. Non credevo in tanta partecipazione sia di pubblico che di marciatori. C'era di tutto, dai drappelli di giapponesi in kimono agli scozzesi con cornamusa, alla vecchia di 80 anni che era alla sua 65º vierdaagse alla giovane 20 con tanto di abito da sposa e cartelllo "adesso che ho finito la marcia mi sposi?". Per non parlare delle bande che hanno suonato marciando per tuto il giorno. C'erano anche rappresentanze di militari da tutto il mondo, tutti ricevevano la loro dose di applausi tranne (ed è stato veramente imbarazzante) quando hanno sfilato i soldati tedeschi. Di colpo gli applausi e le urla da stadio si sono affievoliti e per qualche minuto c'è stato un penosissimo silenzio interrotto solo dal passo cadenzato della formazione tedesca. Echi di film in bianco e nero nella mia testa ... Ora dico, se ancora si odiano così tanto perchè diavolo sfilano? Ma giusto perchè siamo in un paese molto democratico, la mancanza di ospitalità per i nostri vicini di casa tedeschi è stata compensata dalla festa di compleanno bilingue di sabato scorso.
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk