paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2001

10 04 2001 cessi

Gli scioperi delle NS continuano e io continuo ad andare in macchina al lavoro. Uno schifo. Però oggi almeno stavo tornando da un weekend in Zeeland che è quel pezzo d'Olanda che esiste solo grazie ai poderosi lavori ingegneristici sul mare del Nord (Delta werken). Magari artisticamente non sono un granchè, ma solo pensare che ‘sti pazzi sono riusciti in soli 30 anni a immaginare, finanziare e costruire una diga che CHIUDE il mare del Nord per tutta la costa dal Belgio a Rotterdam fa abbastanza paura. Poi vedi la diga e ti chiedi come cazzo hanno fatto, perchè anche a vederla non ci si crede. In ogni caso, sono stata felice di esserci stata perchè come diceva Churchill di Calcutta, così non ho più motivo di tornarci. Freddo, vento e pioggia da paura. Da chiedersi chi sono i pazzi che hanno voglia di abitare in quella zona. Poi "si dice" che quando c'è bel tempo è il paradiso degli sport acquatici dal windsurf alla vela, ma intanto, addì 7 aprile, flagellati dagli acquazzoni con vento forza 8 e livello del mare 2 metri sopra norma sono solo contenta di essere qui a raccontarlo! Ma prima di dimenticarmi per l'ennesima volta devo riportare una delle cose che fanno desiderare di rimanere per sempre qui. Ovvero i cessi pubblici. Le signore sanno bene quale avventura sono i cessi nei locali pubblici in Italia e tutto sommato in un discreto numero di paesi, tanto che io per esempio preferisco differire il momento del bisogno fino a rientro alla base. Da quando sono qui mi sto abituando invece ad utilizzare i servizi igienici appositamente forniti dai locali pubblici e uso la parola servizi igienici con cognizione di causa perchè dopo essere stati a ballare con altre 1000 persone fino alle 3 di mattina andare al bagno delle signore e trovare pavimento immacolato, carta igienica in abbondanza, leggero profumino di rosa e vaniglia e WC in condizioni paragonabili a quello di casa mia è un certo shock culturale. E questo succede dal ristorante in centro alla bettola più malfamata del quartiere dove le condizioni igieniche del locale sono sicuramente peggiori di quelle dei cessi (ma credo sia apparenza, per l'immagine, sai com'è). Sono le piccole cose come queste che messe insieme fanno superare anche l'acquazzone e i 10º che ancora sono la massima temperatura del periodo.
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk