paola cassone
romanzi
racconti
collezioni di racconti
collezioni di racconti
diario  
comprami  
scrivimi  
2001

01 04 2001 trein staking

Oggi e domani (e forse anche lunedì) c'è sciopero (staking) dei treni. Totale, 24 ore su 24, e i pochi treni che la direzione delle NS cerca di far viaggiare (1 all'ora sulle tratte principali, si fermano in tutte le stazioni) vengono boicottati dai macchinisti che fanno sit in sui binari. Quindi, o si sta a casa, o si va a lavorare in macchina. Io speravo di farla franca, ma sono stata coattata a fare carpooling con una mia collega di Nymegen (grrr) quindi mi tocca la macchina. Stamattina 2 ore e 20 minuti per fare 85 km, in media 30 km all'ora (con il treno normalmente ci impiego 1 ora e 20 door to door). Il tutto per arrivare in ufficio e constatare che metà della gente non c'è per un motivo o per l'altro: 2 in malattia, 1 ha avuto un incidente, 2 hanno chiesto la giornata libera. Produttività odierna: circa 4 ore. Spreco di risorse: 4 ore lavorative + 2 ore viaggio + 1 pieno di benzina. Probabilmente le NS mi rimborseranno il pieno di benzina. Ma il bello è che a NESSUNO viene in mente di chiudere l'ufficio almeno domani chiedendo a quelli come me che possono di lavorare da casa. Adesso vado dal mio capo e glielo chiedo, vediamo che mi dice. Tot straks (a dopo).
….
Oggi solo 1h 50m per arrivare in ufficio, quindi solo mezz'ora in piu del normale ... mi sembra quasi un sogno! Naturalmente il mio capo ha riso al suggerimento dicendo che ognuno è libero di lavorare da casa ma nel mio caso non gli sembrava opportuno giacchè il mio reparto è perlappunto decimato da malattie e incidenti. Fralaltro ieri ci sono stati un paio di meeting piuttosto importanti tra cui in particolare il meeting organizzativo del mio reparto. Da quando è arrivato Richard nessuno capisce più chi è il capo di chi, io speravo vivamente che in questo meeting Olaf dichiarasse che Richard (in quanto suo vice) è anche capo del reparto strategy & planning, invece con mia somma sorpresa io sono anche il capo di Richard! Ma cazzo!! Francamente non capisco. Per anni ho disperatamente lottato contro un management che mi schiacciava dandomi più grane che status e adesso che dello status non me ne frega un cazzo, che chiedo solo di timbrare il cartellino, fare il mio lavoro ed essere per il resto lasciata in pace che mi succede? Mi arrivano responsabilità ed incarichi di prestigio francamente sproporzionati. Vabbè che sono brava ma davvero questo è troppo! Ma ho deciso (in coda sull'autostrada almeno si può pensare) che sarò il primo caso di direttore-casalinga, anzi, da lunedì mi presento con grembiule, guanti di gomma e fazzoletto in testa stile Pina. Già ieri e oggi jeans e felpa (notato da tutti, risposta e che cazzo devo mettermi per fare 5 ore di coda in autostrada, il tailleur?).
Siamo a 3 giorni di sciopero totale dei treni, più il fatto che lunedì e martedì ci sono stati vari casini e ritardi assortiti: le NS cominciano tragicamente a somigliare alle FFSS. Fino a lunedì la gente aveva un atteggiamento piuttosto filosofico, ma oggi ho notato un certo nervosismo generale e il mio giornale preferito titola "Lo sciopero è senza senso e una risposta sproporzionata alle dimensioni del problema in discussione", che per lo stile britannico del suddetto è una bella tirata. Insomma, questo pacifico popolo si sta incazzando e siccome non ho mai visto un olandese incazzato non so che cosa pensare. Non credo che sfasceranno le stazioni come a Malpensa il 25 dicembre, ma intanto sono partire quasi un milione di lettere rimborso danni (a me vengono 150 fiorini!) che le NS hanno già dichiarato che pagheranno senza fiatare: chissà che questo non aiuti a sveltire le trattative. Finalmente sono riuscita a capire PERCHÈ i macchinisti scioperano! Da non credere: a luglio 2001 entrerà in vigore un nuovo ordine di servizio tale per cui i macchinisti faranno i turni sempre sulla stessa tratta, mentre oggi i turni si fanno su più tratte, un pò come le hostess degli aerei. Ai macchinisti questo non piace perchè è poco variato! Cioè cazzo, come ha detto una ragazza alla radio stamattina, io è cinque anni che faccio sempre la stessa strada per andare al lavoro e sto seduta sempre dietro lo stesso PC nello stesso ufficio. È NORMALE!! Tralaltro, si dice che il nuovo ordine di servizio è stato pensato in seguito alle lamentele dei macchinisti stessi che, sbattuti oggi qui e domani lì, molto spesso non sapevano la strada! Ora, voglio sperare che la vicenda sia più complessa di così, ma l'applauso che è scaturito alla radio dopo l'intervento della ragazza stamattina mi fa pensare che purtroppo siamo costretti a subire 3 giorni di sciopero solo perchè i sindacati vogliono far vedere più paesaggio ai macchinisti!
 
torna su
« precedente     successivo »  
 
| design&development: Artdisk